X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
Pagina 1 di 52 > | >>
24/06/2017

Ultimamente ho cosi’ tante aziende e attività che riesco a ritagliarmi sempre meno tempo per scrivere. Però oggi avevo una cosa molto importante da dire e ho voluto scriverla di getto. Chiedo venia se è incompleta ma troverete che già quello che c’è vi aiuterà a risolvere un problema che assilla le aziende da lungo tempo.

Incontro sempre più aziende che mi dicono di avere difficoltà a reperire personale commerciale. Mettono gli annunci su Monster, Infojobs, Venditori.it ma dopo un poco il risultato è sempre lo stesso: poche candidature o candidature non qualificate. Molti offrono anche compensi di start up interessanti, anche 1.500-2.000 euro al mese ma il risultato pare essere solo un pochettino migliore.

Che cosa sta succedendo alla ricerca di personale commerciale? Non esistono più persone disposte a fare il venditore? I venditori esistenti sono tutti occupati con aziende qualificate e che li pagano bene?
Forse è anche cosi’ ma dal mio punto di vista il reclutamento o la selezione nell’era dei Social Network è profondamente cambiata (e cambierà ancora). Quando vengo chiamato nelle aziende a fare formazione sulla rete commerciale noto che circa il 70% dei buoni venditori provengono da passaparola o da conoscenze individuali, una percentuale davvero importante. Se il 70% dei migliori venditori proviene da li’, che senso ha continuare a pubblicare annunci sui portali di ricerca??

Io ritengo che ai tempi dei social network il reclutamento e la selezione di personale commerciale, freelance, liveri professionisti sia COMPLETAMENTE cambiato e debbano cambiare anche le procedure che usi tu per promuovere te e la tua azienda. E no, non è certo Linkedin, anche se può essere usato, la soluzione. Linkedin è uno strumento formale. I grandi venditori invece li trovi nella vita REALE.

Il nuovo approccio al reclutamento di questo tipo di figure richiede che la selezione non sia una funzione relegata nell’ufficio HR o affidata in outsourcing a un’agenzia esterna. Tutta l’azienda e, soprattutto la rete commerciale (o la rete di freelance che si intende rinforzare), deve collaborare, cosa possibile questa solo se esiste a monte un gran livello di fidelizzazione e di motivazione.

Ecco alcuni semplici azioni che funzionano. Stai cercando personale per la tua azienda. Oltre al profilo aziendale, Linkedin, annunci, ecc, assicurati che queste azioni stiano venendo fatte:

• 1) Sei presente sui Social con il tuo profilo personale?

Non con la pagina aziendale, ma tu con il tuo profilo sei presente? Sempre più si va a lavorare con persone e non con aziende. Devi essere presente in particolar modo su Facebook dove dovresti avere un minimo di 1000 amici. Infatti, il profilo FB dal punto di vista del reclutamento (e dello sviluppo di nuovi clienti) inizia a funzionare quando hai 1000 amici e ha, poi, un importante balzo nella redemption quando arrivi a 3000.

Linkedin va bene ma se guardo me (fermo restando che lascio gestire il mio Linkedin dal mio staff marketing mentre gestisco il mio profilo FB personalmente), ho avuto decine e decine di candidature molto buone da FB e quasi zero da Linkedin.

• 2) Il tuo profilo di FB comunica che stai facendo un’attività/una vita che è:

– Figa

– Di successo

– Che fa la differenza per la comunità/le altre persone

Non è che devi trasformare il tuo profilo FB in un veicolo promozionale ma il tuo profilo, ovviamente, parla di te. Se io voglio vedere come è il lavoro (e la vita) dentro alla tua azienda, quale strumento migliore che non guardare il profilo delle persone che vi lavorano? Questo è ancora più importante per chi fa la libera professione

Se tu non hai successo o non fai niente di interessante, vuoi proprio che io che sono bravo venga a sudare all’interno della tua impresa?

Io nel mio profilo parlo della mia vita, dei viaggi che faccio, delle mie passioni, di OSM, dei libri che pubblico, delle mie collezioni, di ciò in cui credo. Qualcuno guardando il tuo profilo potrebbe concludere che fai una vita interessante?

Esistono sul tuo profilo fotografie di te con i tuoi clienti contenti, dei viaggi che svolgi per lavoro, delle feste aziendali, del clima che si respira nella tua impresa, dei momenti scherzosi e gioiosi, delle sfide che affronti?

E che cosa mi dici della famiglia? Il tuo lavoro lascia tempo per la famiglia?

La tua impresa produce bulloni o fa qualcosa di straordinario per la vita delle persone? Se anche tu fossi un semplice ristorante, spieghi come quello che fai è innovativo, straordinario e contribuisce al benessere della gente? Lo si capisce dal tuo profilo?

• 3) Esiste una sezione del sito aziendale LAVORA CON NOI con

– Video di collaboratori e la loro storia (Secondo le ultime ricerche di Indeed.com, 83% dei candidati afferma che l’esistenza di recensioni sull’azienda che ricerca ha un impatto molto importante su dove si candidano. Se ci sono video di persone che hanno avuto successo nella tua azienda, aiuta tantissimo)

– Interviste doppie (almeno tre dei miei migliori collaboratori affermano di essersi candidati in OSM grazie al video di un’intervista doppia, stile le Iene, che due miei vecchi collaboratori hanno fatto. Era un’intervista per certi versi agghiacciante ma che ha prodotto persone qualificate).

– Descrizione delle opportunità dell’azienda?

• 4) Sei presente su YouTube con video che parlino dell’azienda e delle sue opportunità?

Non sto parlando di fare video annunci. Ma se io sono un candidato capace e intelligente vado a vedere su youtube che cosa fai.

Che cosa emerge se digito il nome della tua azienda su YouTube?


• 5) Dal tuo profilo FB almeno una volta al mese è evidente che stai cercando dei collaboratori?

Non devi mettere un annuncio di ricerca vero e proprio ma se cerchi, dillo. Le persone migliori per la tua azienda sono nella prima o nella seconda cerchia dei tuoi contatti.

• 6) I collaboratori e i manager dell’azienda, condividono i loro contatti con i recruiter?

In altre parole vi è uno sforzo di squadra per attirare persone capaci?

• 7) Chiedi nominativi di bravi commerciali ai clienti?

• 8) Vanno via persone scontente dall’azienda?

Visto che nell’era dei social network tutti tendono a descrivere la propria professione sui social, nel momento in cui io dovessi ammainare e togliere tutte le “bandiere” OSM dal mio profilo, immediatamente, anche non volendolo, comunicherei a tutti i miei amici e ai loro contatti (decine di migliaia di persone nel mio caso) che io non ho avuto un’esperienza piacevole. Se una persona in media ha 500 amici, se va via scontenta, indirettamente comunica questa sua esperienza a minimo 1000-2000 persone. Questo effetto è devastante.

Questo è il motivo per cui devi prestare la massima attenzione alle persone che già hai in azienda: stanno guadagnando bene? Crescono? Sono ben gestite?

Nell’era dei social network le nostre aziende diventano degli edifici di vetro: tutti sanno tutto, anche quelli che potrebbero candidarsi.

• 9) Quando non si candidano più persone per l’azienda è perché hai delle persone vicino a te che potresti coinvolgere ma non lo stai facendo.

E da ultimo chiudo con una chicca positiva: nella mia esperienza se i flussi di nuovo personale verso un’azienda sono bloccati nella maggior parte dei casi è perché quell’azienda o quel capo area (se stessimo parlando della ricerca per un’area locale) ha qualcuno di bravo vicino a sé che vorrebbe davvero essere parte della sua azienda ma lui non se ne sta accorgendo. Controintuitivo, magico ma funziona davvero cosi’. La prossima volta che non trovi nessuno, oltra a guardare i punti 1-8, prova a guardare anche a questo punto.

---

Oggi quando un adolescente si sveglia la mattina la prima luce che osserva è quella del suo Smartphone.

Sarà giusto o sbagliato ma il mondo è cambiato.

Se non hai candidati validi come commerciali o freelance è perché stai ancora reclutando come nel passato.

Avrei ancora molto da scrivere ma per ora terminiamo qui.

Buon Lavoro.


Paolo Ruggeri 

Condividi:
08/06/2017

Nei due giorni scorsi ho tenuto il Corso Leadership e Gestione del Personale a Bologna con un folto gruppo di imprenditori. 

Ho spiegato le tecniche e i principi sviluppati in quasi trent'anni di gestione delle persone. Avevo un gruppo di persone straordinarie. 

Ora ognuno può continuare lo studio a casa con la APP OSM Corsi. 

Le slide della presentazione sono allegate 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
23/05/2017

Credo che esistano 10 principi che aiutano a generare maggior valore per l’azienda, per i collaboratori e per il tessuto economico.

Si tratta di 10 spunti intangibili per il benessere personale che, affiancati ovviamente a tutte le azioni pratiche del business (il controllo di gestione, il marketing, i piani di incentivazione…), aiutano l’individuo a crescere e prosperare.

Credo nel Karma. In un mio concetto di Karma quantomeno. Una condizione per cui Il mondo sia un luogo animato dalla giustizia. Il mondo è giusto. Ci sono alcune situazioni che determinano un debito o un credito nei confronti dell’universo.

0) Le coincidenze non sono mai coincidenze vicino ai grandi esseri. Quando nella tua vita vedi che si avverano due o tre coincidenze di fila, significa che sei vicino ad un grande essere, inteso come un individuo dotato di una grande energia.

Esistono 10 leggi “spirituali” che guidano il business:

1) Tu crei. Sempre: Quando pensi, quando crei un’immagine o uno scenario nella tua mente, stai creando qualcosa. Se trovi qualcosa che ti aiuti a pensare ad un futuro migliore, allora stai creando un futuro migliore. Il tuo pensiero semina per il tuo futuro. Anche inconsciamente.

2) Il tempo non esiste: Il tempo è una percezione che viene notevolmente influenzata dal tuo stato d’animo. Si espande e si contrae in base al tuo stato d’animo. Se hai problemi di tempo, significa che probabilemente non hai abbastanza progetti a cui dedicarti. sei influenzato da qualcun’ altro. Stai inseguendo i valori di altri, stai facendo qualcosa in cui non credi. La legge di Parkinson insegna che “L’ammontare di tempo che si ha a disposizione per terminare un compito sarà l’ammontare di tempo che servirà per terminarlo”. In poche parole: se hai un giorno a disposizione per stilare un report ci metterai un giorno per portarlo a termine. Se hai a disposizione solo mezza giornata ci metterai mezza giornata. E la qualità probabilmente non sarà neanche più scadente. Semplicemente metti in campo molte più risorse in un arco di tempo inferiore. Quando dici “Non ho tempo” significa in realtà che hai perso di vista i tuoi ambiziosi progetti, hai smesso di essere il vero te stesso, non sei più centrato.

3) L’ammirazione è l’energia che scioglie le cose. Tutto ciò che non ammiri persiste. Se ti concentri eccessivamente sugli aspetti negativi, questi tendono ad acquisire forza e rilevanza.

4) Lo spirito ha la capacità di trasformarsi in qualsiasi diapason e vibra in sintonia con quello di cui si circonda. Tu hai la stessa frequenza di ciò che ti circonda. Se ti circondi di persone e cose positive, anche tu vibrerai in modo positivo. Se ti circondi di persone negative vibrerai anche tu in maniera negativa.

5) L’amore è l’ingrediente essenziale di qualsiasi progetto di successo. Devi provare amore verso qualcuno o qualcosa. Innamorati di una persona, di un progetto, di un’idea. L’amore è il collante di tutto. Se odi o provi rancore, non crei valore. Chi è animato dall’odio finisce in macerie. Discussioni e fraintendimenti sono ciò che porta alla rovina le aziende.

6) Il tuo percorso spirituale sarà costellato da alcune prove. Dovrai avere fede e affrontare la paura. Ci sono dei momenti in cui sembra non ci sia una soluzione, ma bisogna essere fermi nella convinzione che una soluzione ci sia sempre. Quella sarà la tua prova.

7) La conoscenza è analogica, mentre l’intuito è digitale. L’intuito è quella capacità di cogliere i segnali impercettibili che fanno una grande differenza. E’ quella nuova idea di business che ti permette di cambiare il futuro. L’intuizione è la capacità di collegarsi ad un libro in cui è già scritto tutto.

8) Il mondo si basa sul due. Per ricaricare la tua energia, hai bisogno di confrontarti con un altro essere di pari energia. Può essere un socio, la persona che ami, un amico. Devi trovare il tuo “due” ovvero una persona che ricambi l’energia e ti permetta di creare. Se ci fai caso tutte le grandi aziende sono nate grazie a questo binomio. Larry Page e Sergey Brin (Google). Hewlette e Packard. Steve Jobs e Steve Wozniak. Non importa il fatto che uno fosse l’uomo di ”facciata” e uno fosse dietro le quinte. Senza questa associazione Apple non sarebbe mai nata.

9) L’entusiasmo di oggi è il denaro di domani. Se ti butti con passione in quello che stai facendo alla fine il successo arriverà. Quelli che sostengono di aver provato questa cosa senza ottenere nulla in cambio probabilmente sono quelli che hanno mollato e si sono rassegnati. La perseveranza è fondamentale. Entusiasmo e perseveranza.

10) Serve di più la persona e meno le strategie. Più TE e meno TEcniche. Devi essere te stesso. Devi tornare ad essere quello che eri da piccolo. Quell’essere puro. La purezza ti porterà a qualsiasi risultato.

Paolo Ruggeri


Condividi:
18/05/2017

Oggi, assieme a Luciano Purpi, nostro Partner per la città di Firenze, abbiamo tenuto una presentazione sull'Imprenditore 2.0 a un gruppo di imprenditori Toscani. 

La mia presentazione e quella di Luciano sono allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
16/05/2017

Ieri ho speso una giornata con gli informatori della Top Quality Group www.topqualitygroup.it di Città di Castello, un'azienda che cresce a doppia cifre a causa del suo grande contenuto di innovazione e della qualità delle sue risorse umane. 

Qui in allegato le slides della mia presentazione. 

Alcuni libri che consiglio di leggere: 

Senso Organizzativo o Autodisciplina da migliorare: Le 7 Regole del Successo di Stephen Covey, Franco Angeli Editore

Rapporti interpersonali da migliorare: Come Trattare gli Altri e Farseli Amici, Dale Carnegie, Editore Bompiani. 

Migliorare la propria prosperità: Le 10 Regole del Successo, Paolo A Ruggeri, Engage Editore 

Migliorare le Vendite: Venditore in 1 Ora, Paolo A Ruggeri, Andrea Condello, Engage Editore.

Buon lavoro 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
06/05/2017

Ieri sera a Pescara ho fatto la replica del mio intervento Imprenditore 2.0. 

Una bellissima platea e tanti imprenditori e imprenditrici desiderosi di fare la differenza e crescere. 

La mia presentazione è stata incentrata sui cambiamenti da mettere in atto, in particolar modo in 4 aree: People, Product, Money Management e Managers. 

Un sentito ringraziamento agli OSM Partners di Pescara, Teramo e Bari e, in particolar modo, a Angelina Castillenti per l'organizzazione. 

Le slides sono allegate 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
04/05/2017

“Nella vita puoi avere quello che vuoi, se solo aiuti abbastanza altre persone ad avere quello che vogliono”Zig Ziglar

Il tuo successo è determinato dal successo delle persone che ti stanno attorno. È questo il segno distintivo di ogni grande uomo che abbia mai vissuto su questo pianeta.


Esiste un effetto che si viene a verificare ogni volta in cui aiuti qualcuno a vincere. Ogni volta che aiuti qualcuno a sviluppare le sue abilità e a diventare un vincente, le sue abilità entrano a far parte di te. Più persone aiuti, più diventi forte. E il tuo successo dipende dalla tua rete di alleanze. Più è forte la tua rete di alleanze più sei forte tu.

La rete di alleanze costruita da un’azienda ha spesso più valore della sua struttura e dei suoi immobili. La tua possibilità di avere successo dipende in non piccola misura da quanto grande è la tua rete di alleanze. Questa rete di alleanze potrà fare per te molto ma molto di più di qualsiasi investimento economico. Sarà questa rete di alleanze che ti agevolerà, che ti proporrà delle opportunità, che ti consolerà o ti motiverà quando le cose andranno male, che ti aiuterà a promuovere i tuoi prodotti nel caso tu decida di diventare imprenditore. Ma questa rete va coltivata!

I sistemi di comunicazione di oggi rappresentano una sorta di amplificatore della tua persona. Se sei una persona di valore, allora tutto questo giocherà a tuo favore, se invece non lo sei, i moderni sistemi di comunicazione, che ti consentono di interagire contemporaneamente con moltissime persone, saranno per te una vera e propria condanna.

Quattro mesi fa un collaboratore che otto anni fa è andato via dall’azienda e ha aperto una società a me concorrente mi ha passato il contatto di un partner che ha deciso di aprire con noi un franchisee in Romania. Perché l’ha fatto? Perché quando è andato via dall’azienda siamo rimasti in buoni rapporti e, nonostante fosse controproducente per me, ho deciso di aiutarlo ad avviare la sua attività.

Dieci anni fa ho sviluppato la rete vendita di un mio cliente. Una persona di cui ormai avevo perso le tracce da parecchi anni. Eppure, dopo tutto questo tempo, mi ha ricontattato tramite facebook e mi ha passato il contatto di un altro imprenditore, dicendomi che aveva bisogno del mio supporto per costruire e formare la rete vendita della sua azienda. Sono passati dieci anni, e lui si è ricordato di me.

Ciò che mi ha portato a distanza di dieci anni un ritorno non solo emozionale (mi ha fatto piacere che questo cliente mi abbia contattato e mi abbia riconosciuto come la persona più adatta per quell’incarico), ma anche in termini economici (mi ha passato il cliente e ho chiuso un contratto), è stato determinato dal fatto che io avevo tenuto in considerazione questi aspetti:

a) La persona è più importante del business: cioè quando dieci anni prima sviluppai la sua rete vendita, oltre ad avergli offerto un buon servizio, mi interessai davvero a lui come individuo.
Volevo davvero aiutarlo al di là del fatto che con lui intrecciavo dei rapporti d’affari.


b) Ho tenuto il contatto negli anni: Attraverso i social network sono rimasto in contatto con lui, ogni anno, pur senza vederlo o incontrarlo, gli facevo gli auguri di buon compleanno, lasciavo un like sui suoi post…anche se in maniera apparentemente “irrilevante” e solo virtuale ho continuato
a tenere vivo quel legame tra di noi.


c) Ho trasferito l’immagine vincente: le persone oggi desiderano avere a che fare con persone che riescono e che hanno successo a livello personale e professionale. Alla gente non piace fare affari con i perdenti. Cerco sempre di condividere tutte le cose “belle” che faccio: foto di corsi con gli imprenditori, foto con opinion leader con cui ho avuto contatti ma anche cose non strettamente legate al lavoro: viaggi, passioni, affetti


d) Ho dato dei riconoscimento sui social network: mi sono complimentato con lui ripetutamente sui social network, dicendogli che era uno dei migliori commerciali che conoscessi (e lo credo davvero).
E’ importante dare degli elogi – anche pubblici – alle persone quando se lo meritano purchè ovviamente questi riconoscimenti siano sentiti e non abbiano un secondo fine.

In pratica non ho trattato la persona come un cliente, ma come un alleato. Chi è un alleato? Un alleato è qualcuno per cui tu hai fatto qualcosa che non era dovuto. Si tratta di fare una specie di deposito spontaneo in una sorta di grande banca virtuale. Un alleato non lo fa con secondi fini, ma sa in cuor suo sa che quel versamento non è altro che un investimento che gli tornerà indietro, moltiplicato, in futuro. Magari non domani. Magari non domani. Ma tornerà indietro.

Sintetizzando:

- Ripara tutti i rapporti tranne quelli irrecuperabili
- Crea opportunità di guadagno per gli altri
- Interessati davvero alle altre persone, al di là del business che puoi fare con loro
- Cerca sempre di incoraggiare gli altri e di stargli vicino nei momenti difficili

Tu hai tantissimi alleati. Devi riconoscerli e farti riconoscere da loro.
E’ il momento di costruire la tua rete di alleanze!

Paolo Ruggeri


Condividi:
03/05/2017

Questa sera, ho presenziato e sono intervenuto alla Convention Imprenditore 2.0 organizzata da OSM Partners a Milano. 

Ho parlato del futuro dell'impresa e di quello che secondo me un imprenditore dovrebbe fare per prosperare nel futuro. 

Un caloroso ringraziamento a Patrizio Cappella, Carmine Puppio e Michaela Gariboldi che hanno parlato prima di me. 

Le slide della presentazione sono allegate. 

Reitero il mio invito ai partecipanti a partecipare al Corso Leadership OSM di Milano del 13 e 14 Giugno e alla sessione della MBS di Bologna del 16 e 17 Maggio. 

PAOLO RUGGERI 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
03/05/2017

Paolo Ruggeri è stato invitato come speaker a TEDx in Bulgaria sul soggetto di EXPANDING MINDS 

ADMIN 
Condividi:
14/04/2017

Ho passato due giorni splendidi in una Signora azienda Italiana: Top Quality Group, un'azienda in forte crescita nel settore delle apparecchiature medicali per l'estetica. 

Come sempre quando vai in un'azienda in forte crescita incontri grandi persone e respiri un'area di forza e di energia. 

Sinceri complimenti a tutto il team e alla Famiglia Flavi, persone eccezionali. 

Numerosi dei partecipanti mi hanno chiesto una lista di libri da studiare per approfondire. La metto qui di seguito. 

LIBRI DI PAOLO RUGGERI 

I Nuovi Condottieri Engage Editore: Libro che illustra come gestire e far crescere i propri venditori 

http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=51 

Le 10 Regole del Successo Engage Editore: Libro che spiega in modo semplice come costruire una carriera di successo. 

http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=50 

LIBRI DI ALTRI AUTORI (MA BRAVI)

Le 7 Regole del Successo di Stephen Covey Franco Angeli 
Alla Ricerca dell'Eccellenza Tom Peters 
Good To Great Jim Collins 
Come Trattare gli Altri e Farseli Amici Dale Carnegie 

Slide del mio intervento allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2017

Oggi, di fronte a un bel gruppo di imprenditori Bolognesi ho fatto la mia parte e ho diffuso un po' di spunti e consigli per prepararsi per il futuro. 

Qui in allegato le mie diapositive.

Mi sono rimaste in mente le tre domande poste dal mio collega Luca Torcivia: 

1) Chi non stai affrontando? 

2) Qual è il progetto che sai farebbe la differenza per la tua azienda in futuro ma che non inizi per paura? 

3) Qual è la decisione che sai di dover prendere ora? 


Grazie a tutti per la partecipazione e per l'interesse.

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
27/03/2017

NATO PER VENDERE

EDIZIONE SPECIALE MBS 20 E 21 APRILE 2017


Se vuoi costruire un’impresa di successo non c’è abilità più importante di quella di saper vendere o persuadere le persone.

Alla MBS lo sappiamo bene. Non è un caso che la nostra Piramide Rovesciata sia ancora oggi lo strumento di formazione più utilizzato in Italia nel campo delle vendite da innumerevoli società di consulenza, formatori, direttori commerciali e reti vendita.

Per la edizione della MBS Business School di Aprile 2017 abbiamo invitato una serie di imprenditori di grande successo che spiegheranno come loro, in quanto imprenditori, tutti i giorni affrontano la vendita e valorizzano i loro prodotti sul mercato, sia questo direttamente con i clienti o tramite una rete di venditori.
Ogni partecipante, dunque, oltre a progredire sul proprio percorso di studio personalizzato, avrà modo di essere riempito di energia e di potenti segreti da parte di persone che hanno costruito reti vendita di grande successo.

I relatori:

Andrea Condello: COME AUMENTARE LA TUA PERCENTUALE DI CHIUSURA E FARE VENDITE PIU’ GRANDI
Socio Fondatore e Direttore Commerciale di OSM www.andreacondello.it , autore di Vendere in 1 Ora, una persona che nel passato ha costruito reti vendite di centinaia o migliaia di persone per più di un’azienda. Andrea è una persona che ti ipnotizza con il suo charme e in seguito diventa una persona indispensabile per l’azienda grazie alla sua correttezza, sostanza e capacità di farsi benvolere.

Andrea parlerà di A VOLTE NON E’ COME SEMBRA: quali sono le cose semplicissime che puoi fare per aumentare da subito la tua percentuale di chiusura e il valore medio dei tuoi contratti.

Pierangelo Maren: I MIEI SEGRETI PER VENDERE 1 MILIONE AL MESE
Pierangelo è stato in grado di costruire una rete vendita che vende macchine industriali a vapore in tutto il mondo www.novaltec.it , battendo spesso concorrenti molto più grandi di lui. La sua grande capacità è quella di valorizzare il prodotto costruendo per il cliente una proposta di valore unico. Una persona con grande charme, divertente e appassionata. Ci spiegherà come si fa a partire dal niente e arrivare a vendere 1 milione al mese.

Wilco Alexander Egger: VENDERE ALL’ESTERO
Creanova www.creanovagroup.com è un’azienda che vende in tutto il mondo macchine medicali di design. Wilco non è un solo un imprenditore di grande successo ma è anche un inventore e una persona che ha una fortissima predisposizione per il marketing. Ci spiegherà come si fa a vendere all’estero e a fare accettare la propria azienda a livello internazionale.

Paolo Ruggeri: COSTRUIRE UNA RETE DI ALLEANZE CHE TI PASSI CLIENTI
CEO di OSM ci parlerà dell’importanza di una grande rete di alleanze. Nelle 10 Regole del Successo egli afferma: Sarà la tua rete di alleanze, più di ogni altra cosa, a spingerti, a promuoverti e a coinvolgerti nelle opportunità. Paolo ha costruito una rete di amici in tutto il mondo che lo coinvolge nelle più disparate opportunità, oltre che – non meno importante – passargli un gran numero di clienti. Scopri anche tu come costruirti la TUA rete di alleanze.

Mario de Iuliis: I SEGRETI DELLA PERSUASIONE OSM Partner Marche Abruzzo. Mario è un grandissimo commerciale e negli ultimi mesi ha condotto una ricerca su come affinare le abilità di persuasione. Terrà un breve intervento: 4 attività che puoi mettere in campo fin da subito per diventare un persuasore migliore.

---

Cinque super venditori, ognuno con stili e peculiarità diverse, ognuno che ogni anno raccoglie milioni di euro di vendite.

Parleranno di vendite, di emozioni, di alleanze, di valore, di approccio, di amore e di quello che serve per fare la differenza quando sei di fronte ad un cliente.

Il tutto nell’ambiente stimolante della Mind Business School di OSM, la prima scuola Italiana dove sono gli imprenditori a insegnare agli imprenditori. Ci sarà quindi anche studio personalizzato, possibilità di interagire, confrontarsi e ricevere coaching personalizzato dai relatori e dagli altri imprenditori e consulenti di OSM.


Giochi, studio, scambio idee, confronti, coaching, allenamento. La ricetta perfetta perché anche tu possa oggi mettere le basi che ti porteranno AL TUO prossimo milione di euro.


Bologna, 20 e 21 Aprile NATO PER VENDERE


Per informazioni scrivi a info@osmanagement.it  


Condividi:
27/03/2017

Quando avevo 20 anni pensavo solo a quanti soldi mi sarebbero serviti per andare in pensione. Lavoravo solo per quelli. Eppure non riuscivo a raggiungere i risultati sperato. Oggi invece mi piace talmente tanto ciò che faccio che non ci penso più in alcun modo.

Il fatto è che è cambiato il mio atteggiamento. Ciò che è fondamentale è continuare a perseguire le proprie aspirazioni e non demordere mai. Nel 2001 ho pubblicato Il libro “I nuovi condottieri” . Con il reparto marketing dell’azienda pianificammo una serie di azioni. Partimmo inviando una newsletter cartacea con un modulo d’ordine per l’acquisto del libro a tutto il database clienti del tempo. Migliaia e migliaia di imprenditori. Risultato: 2 libri ordinati. E poi mandammo i fax (all’epoca si usavano quelli!): ancora niente

In azienda si incominciava a mormorare…un sacco di soldi per produrre il libro e per promuoverlo…mesi di lavoro a lavorarci sopra distogliendo l’attenzione dai clienti…
Ma non mollai: cambiammo il tipo di promozione, iniziammo ad organizzare eventi di presentazione del libro, trovammo un distributore…

Adesso “I nuovi condottieri” è il libro italiano di management più letto nel mondo, tradotto in 9 lingue, con centinaia di migliaia di copie vendute in tutto il globo. Un libro che mi ha permesso di raggiungere migliaia di imprenditori che poi, proprio grazie al libro, sono diventati miei clienti e hanno partecipato ai miei corsi,

Ma se mi fossi arreso…se avessi ascoltato le voci di chi diceva di abbandonare…ora non sarei dove sono!

Ecco quindi i 5 segreti che mi hanno permesso di guadagnare il mio primo milione di euro (a cui fortunatamente hanno fatto seguito degli altri negli anni!) :

1) SII UN OSSESSO E UN RIBELLE

- Sfida lo status quo: Devi sfidare lo status quo. A volte devi anche essere in disaccordo creativo. Oggi in auto ho ascoltato la radio. Le notizie sono state le misure di sicurezza sugli aerei contro gli attentati, fatti di cronaca nera e altre notizie negative. Ho capito che forse sarebbe stato meglio ascoltare la musica perché il mondo ti mette in uno stato mentale di negatività. Il disaccordo creativo significa proprio concentrarsi sul creare e sulla positività. Se ti metti ad ascoltare la radio, i giornali, la televisione ti convinci che c’è la crisi, che non si può guadagnare, che in Italia non si può fare impresa…inizia non ascoltandoli!

- Rompi le regole e fai qualcosa di radicale: Se giochi contro il campione di scacchi, probabilmente non riuscirai a vincere se non cambi le regole del gioco. Prova a sfidarlo inserendo delle nuove regole: adesso il cavallo si muove come la regina, e l’alfiere come la torre!...Quando entri in un nuovo settore, cerca un modo per innovare e cambiare le regole, altrimenti rimani schiacciato da chi quel mercato lo conosce meglio di te.

2) IMMAGINA IL MONDO DA QUI A 15 ANNI E BUTTATI

- Buttati senza riserve se pensi che un progetto possa funzionare bene. Io ad esempio credo tantissimo sulla app “OSM Corsi” perché credo che sia il futuro della formazione. Un’ applicazione sulla quale, al prezzo di poche centinaia di euro, un imprenditore può ottenere una conoscenza in tema di gestione d’impresa con un valore economico incommensurabile. Un controsenso per chi, come me, vende corsi di management da migliaia di euro. E’ contro-intuitivo: sto andando contro il mio business stesso, apparentemente. Eppure su questo progetto sto scommettendo molto e penso che questa scommessa verrà ripagata. Guarda Whattsapp: vende la sua app a 89 centesimi eppure è stata comprata da Facebook per 19 miliardi di euro!

3) IL PROGETTO E’ CON CHI E NON NECESSARIAMENTE CHE COSA

- I risultati migliori in genere avvengono perché si crea la giusta alchimia tra le persone che prendono parte ad un progetto. La chiave quindi non è tanto “il cosa”, ma il “con chi”. Prima scegli le persone giuste e poi decidi assieme a loro cosa costruire e come costruirlo.

4) PENSA AGLI SCOPI DELLE PERSONE

- Devi avere una grande organizzazione, composta da tante persone, per prosperare. Queste persone devono avere un vantaggio concreto nel contribuire a far prosperare l’organizzazione. Un’azienda consiste in scopi coordinati, “procedure istutite e allenate” per risolvere problemi e terminali stabili. Devi capire il sogno dei tuoi collaboratori e aiutarli a raggiungerlo. Se li aiuti a raggiungere i loro sogni loro ti aiuteranno a raggiungere il tuo! Per espandersi un’azienda deve rafforzare i suoi scopi, inserire nuove procedure che le diano più forza .

5) DIVENTA UN OTTIMO MANAGER DELLA TUA ORGANIZZAZIONE

- Gestisci le tue finanze in modo egregio. “Gli sfizi si pagano con gli spiccioli”: togliti le tue soddisfazioni con i soldi che avanzano, mai con quelli necessari per gestire al meglio l’azienda!
- Impara a fare marketing: puoi inventare il prodotto migliore del mondo ma devi sapere come portarlo ai clienti.
- Impara a reclutare, formare e motivare le persone
- Impara a vendere nel modo migliore ciò che hai da offrire

Paolo Ruggeri

Condividi:
14/03/2017

La più grande bugia della vita è che non c’è tempo. Se hai la voglia di fare, c’è tempo di fare qualsiasi cosa. Io gestisco diverse attività in differenti settori e, nonostante i mille impegni, a volte mi avanza del tempo.

Premessa : Tu usi sempre tutte le tue abilità. Per me la soluzione a tutti i problemi è avviare attività in un nuovo paese. E’ un paradosso, ma avviando un business in un nuovo paese anche gli altri business vanno meglio. E’ il contrario dell’opinione comune. Quando hai un problema, creane uno più grande e scoprirai che magicamente tutto si sistema. Quando un individuo si concentra troppo su un problema è perché ha solo quello e quindi quel problema lo deve amplificare. 

Il vero problema delle persone è che a volte hanno troppo pochi problemi e quindi non riescono a risolverli.

Pensaci: se in un giorno hai una sola cosa da fare quanto ci metterai a farla? Tutto il giorno! Se invece per quella stessa cosa hai a disposizione solo mezza giornata ti metterai a correre e riuscirai a completarla nel tempo disponibile. Il tempo che ognuno di noi ha a disposizione dipende piu' che altro dai sogni che insegue e dalle illusioni che cerca di realizzare piuttosto che da qualsiasi altro fattore.

La verità è che molti imprenditori si perdono dietro a piccole impellenze perdendo di vista il focus generale.

Le 7 regole per avviare e gestire più aziende

1) Non puoi fare mille cose contemporaneamente. Devi avviare prima un’azienda, quando questa funziona bene puoi avviare un secondo business, delegando alcune attività della prima.


2) Costruisci con uno scopo. Molte volte dico no a nuovi business, perché io ho uno scopo e questi nuovi business non rientrano in questo scopo che intendo perseguire. Per scopo intendo: “per cosa esisti tu come persona?”. Se un business nuovo non può farti fare progressi verso quello scopo, allora non è ciò che fa per te. Il mio scopo è “diffondere il più possibile la conoscenza ad un costo sostenibile, che si avvicini il più possibile allo 0”. Devi dire di no a investimenti basati esclusivamente su aspetti economici. Nella seconda impresa che avvii rifiuta le partnership in cui sei tu la persona che deve occuparsi principalmente dell’attività. Nelle seconde imprese devi investire assieme a persone che possano seguire l’attività. Devi imparare a dire di no alle persone che fanno perdere tempo.


3) Capisci immediatamente da dove verrà il cash flow. In passato ho investito 20.000€ in una startup tecnologica. Questi soldi li ho persi. Tutto sembrava funzionare, le persone con cui lavoravo erano estremamente competenti, ma non c’era un piano chiaro su come avremmo guadagnato. Deve esserci un business plan. E se non sai da dove arrivano i soldi significa che i soldi arrivano solo da te. Investi ma datti un tempo entro cui i tuoi investimenti devono essere ripagati.


4) Costruisci una reportistica di ferro. Devi tenere sempre tutto sotto controllo e capire bene le statistiche dell’attività. Quanto entra e quanto esce? L’azienda sta generando ricchezza? Il fatturato è in aumento? Devi conoscere i numeri settimanalmente ma ancora meglio su base giornaliera.


5) Time management: il principio del time management è molto semplice. Devi programmare tutto. Tu devi sapere già in anticipo cosa dovrai fare e devi ritagliarti del tempo per programmare nel minimo dettaglio tutte le tue attività. Devi scrivere le cose da fare, usare delle liste e dei piani di attività giornalieri e settimanali. Non è il tempo che manca, sono i progetti. Tutto si basa sulla legge di Parkinson sul tempo. Il tempo necessario per fare un’attività è il tempo che hai a disposizione. Se hai due giorni di tempo per fare qualcosa, ci metterai esattamente due giorni. Se invece per fare la stessa attività hai solamente un quarto d’ora, riuscirai a farlo in un quarto d’ora. Il lavoro si espande in base al tempo che hai a disposizione. Il concetto “non ho tempo” è in realtà una grande illusione. Tutto ciò che non puoi gestire tu in prima persona, devi saperlo delegare. Impara e delegare e a costruire persone che possano fare le cose al posto tuo. Ciò che non puopi delegare sono solamente tre aspetti: strategia d’azienda, controllo di gestione, gestione delle risorse umane.


6) Scegli le persone giuste. La lealtà è più importante della capacità. Devi trovare persone che hanno voglia di vincere. La persona che stai per assumere ha dovuto guidare almeno un progetto in azienda? Sono state promosse almeno una volta in un lavoro passato? In una startup in particolare serve una persona davvero forte nelle vendite e che abbia una grandissima determinazione.


7) Perseveranza. Devi insistere in ciò che fai. Se la situazione non permette di riuscire nel breve termine, congela eventualmente l’attività e poi riprendila quando le condizioni saranno migliori.


Paolo Ruggeri


Condividi:
05/03/2017

Un high net worth individual è qualcuno che possiede 1 milione di dollari in stato semiliquido, quindi pronti per essere investiti.

Il web brulica di corsi di formazione e di esperti e guru, ma quanti ne conosci che sono davvero milionari o high net worth individuals?

Io sono un forte sostenitore del ruolo sociale dell’impresa e del fatto che se la motivazione principale dell’imprenditore o del professionista è quella di accumulare danaro, spesso i suoi risultati saranno tutt’altro che soddisfacenti.

Ma ciò non toglie il fatto che un’impresa se è ben gestita deve generare utili e deve pagare un sostanzioso dividendo ai suoi soci. Perché, altrimenti, rinunciare a tanti progetti e fare così tanti sacrifici se non ci sarà mai un adeguato ritorno economico?

Alla MBS, la prima scuola di business per imprenditori, noi crediamo che siano gli imprenditori a dover insegnare agli imprenditori e, per affrontare questo argomento con successo, abbiamo deciso di coinvolgere quattro imprenditori che, pur partendo da risorse pari a zero, hanno costruito aziende milionarie e hanno accumulato fortune altrettanto grandi.

Il 21 e 22 Marzo, a Bologna, faremo sì che spieghino ai loro colleghi come hanno fatto a costruire il loro primo milione, il più difficile. Non lo faranno, però, sostenendo le ultime mode o teorie del management o ripetendo una teoria che hanno imparato dai libri di questo o quel guru (e che però non hanno mai applicato), ma lo faranno spiegandoti, nella pratica, che cosa devi fare tu per costruire IL TUO primo milione.

In Italia, dal 2012 al 2015 il numero di High Net Worth Individuals (persone che hanno almeno 1 milione di dollari da investire) è passato da 176.000 a 226.000, cioè è aumentato di circa un 30%, segno che ANCHE OGGI è possibile costruire la propria fortuna economica facendo l’imprenditore. Ma, devi conoscere le nuove regole.

Abbiamo selezionato quattro imprenditori che hanno costruito le loro fortune qui in Italia negli anni recenti e abbiamo chiesto loro di condividere le loro azioni vincenti e quello che davvero ti mette in condizione di costruire la tua fortuna.

Il 21 e 22 Marzo, come parte del programma MBS, a Bologna avremo quindi quattro relatori:

Patrizio Cappella. Patrizio che gestiva una piccola società di trasporti ereditata dalla famiglia, nel 2008 si è trovato di fronte a un punto di svolta: a seguito della crisi finanziaria tutti i suoi clienti stabili gli avevano annunciato che avrebbero ridotto drasticamente i trasporti. Il baratro di fronte. Paradossalmente, quella situazione gli diede uno slancio incredibile. Pur privo di master, di istruzione universitaria o di diplomi specifici, Patrizio è stato in grado di trasformarla in un vero e proprio gioiello nel settore: un’attività prospera e con un alto grado di soddisfazione da parte del personale interno www.acbsrl.it . La sua attività è quindi cresciuta fino a rilevare la Ortelli Srl, www.ortelli.it  un’altra attività di trasporti del settore che ha riorganizzato e rilanciato. Oggi è un imprenditore a tutto tondo con investimenti in svariati settori.

Ma un dubbio rimane: che cosa accadde nel Dicembre del 2008, che gli permise di cambiare per sempre le sorti della sua impresa? Che cosa lo portò a costruire il suo primo milione?

Patrizio, oltre a illustrare la personale ricetta che lo ha portato al primo milione, spiegherà il carattere dell’imprenditore di successo.

Claudio Ongis, invece, è il Presidente e fondatore del gruppo CMO www.cmogroup.it  e incarna il modello dell’imprenditore metalmeccanico Italiano che ede avanti e, grazie alle grandi idee, alla genialità e all’etica del lavoro, partendo dalla cantina di casa riesce a costruire una delle aziende leader in Europa nella produzione di componenti in rame per i sistemi elettrici.

La storia di Claudio è quella dell’imprenditore che vede avanti 10 anni e che ha il coraggio di fare ripetutamente innovazioni radicali che spiazzano tutti i suoi concorrenti. Prima porta CMO al successo, poi tramite una rete di alleanze di grande spessore, si espande in tutti i settori attigui avviando aziende nell’engineering, nella componentistica pneumatica, nei servizi a terzi, nell’Hospitality, in Italia e in altri Paesi del mondo. Oggi la sua azienda sta facendo quegli investimenti che le garantiranno la leadership per i prossimi vent’anni con investimenti in robotica, risorse umane e grandi innovazioni.

Claudio è un imprenditore completo ma dal lato umano e con i piedi per terra. Ci spiegherà come si costruisce un gruppo leader.

Mario Tasso è un imprenditore seriale che è in grado di costruire e delegare aziende che funzionano anche senza di lui. Mario ha costruito aziende di grande successo nella metalmeccanica www.tasso.it, nelle costruzioni www.tassocandeloro.it  , nell’edilizia e, recentemente, si sta cimentando anche nei servizi. Ma la grandezza di Mario non sta nel suo successo ma sta nella sua esperienza e nel fatto che è il tipo di persona che si mette anche a raccontarti tutti i suoi errori e ti spiega, per filo e per segno, le cose che lo hanno portato fuori strada e che anche tu dovresti evitare nel tuo percorso verso la grandezza.

Mario in una avvincente lezione ci spiegherà in modo semplice e immediatamente fruibile tutti i sistemi che devi avere in funzione per fare utili, davvero, nella tua azienda. Quali sono i sistemi semplici e immediati che devi usare per controllare i flussi di denaro e generare liquidità, come fare a tagliare in modo efficace le spese improduttive, come creare avanzi di cassa in azienda. Partecipando alla sua lezione conoscerai un grande imprenditore ma, innanzi tutto, un grande uomo.

Paolo Ruggeri è il CEO di OSM International Group, www.osmconsultgroup.com la prima società di formazione Italiana ad aver esportato i suoi servizi di formazione, consulenza e analisi del personale nel mondo. Le aziende di Paolo, infatti, erogano servizi in Italia, negli USA, in Canada, in Brasile, in Russia, Bulgaria, Spagna, Romania e Inghilterra. Ma non è questa la vera forza di Paolo.

Paolo, infatti, sembra un uomo dalle nove vite. Una delle prime persone ad aver portato in Italia il management delle Risorse Umane all’inizio degli anni ’90, regolarmente viene dato per morto, ma costantemente rinasce con una nuova super impresa, una nuova rete in franchising, un nuovo concept per il training dei manager e degli imprenditori. Per non parlare poi della sua capacità di costruire alcuni dei migliori relatori, formatori e consulenti.

Paolo ritiene che l’entusiasmo di oggi si trasformi nel denaro di domani e, nel descrivere la sua personale ricetta per costruire il proprio primo milione di euro, Paolo ci parlerà della vita, di come avere entusiasmo ed energia sempre, di come animarsi, di come attirare persone dalle vibrazioni positive.
---

Quattro milionari, quattro high net worth individuals, quattro imprenditori partiti dalla cantina che hanno costruito imprese solide e che fanno la differenza, in più di un settore.

Parleranno di carattere, di gestione delle finanze, di liquidità, di sogni, di come guardare avanti e fare innovazioni radicali, di risorse umane, di vibrazioni positive, di entusiasmo e di produttività.

Il tutto nell’ambiente stimolante della Mind Business School di OSM, la prima scuola Italiana dove sono gli imprenditori ad insegnare agli imprenditori. Ci sarà quindi anche studio personalizzato, possibilità di interagire, confrontarsi e ricevere coaching personalizzato dai relatori e dagli altri imprenditori e consulenti di OSM.

A disposizione degli studenti nel corso delle due giornate, infatti, oltre ai numerosi coach e consulenti di OSM ci saranno anche alcuni dei relatori della passata edizione della MBS Millionaire:

Tristano Ortolani di Eban www.ebansrl.com  che sarà a disposizione per coaching e confronti per gli imprenditori nel settore del design o che volessero costruire una rete vendita a livello nazionale.

Pierangelo Maren, di Novaltec www.novaltec.it  sarà invece a disposizione degli imprenditori che volessero rivoluzionare il loro approccio alla vendita e pensare in grande.

Giochi, studio, scambio idee, confronti, coaching, allenamento. La ricetta perfetta perché anche tu possa oggi mettere le basi che ti porteranno AL TUO prossimo milione di euro.

Bologna, 21 e 22 marzo MBS 1 MILLION

Per informazioni scrivi a info@osmanagement.it
Condividi:
01/03/2017

Oggi, presso la MBS, ho tenuto un intervento circa le sette regole per avviare e gestire più aziende. 

Le slides, nonostante utili per chi dovesse tenere presentazioni simili, non riescono a rendere tutti i concetti della presentazione, ma in essenza queste sono le 7 regole: 

1) Avvia prima un'azienda e portala ad un livello decente di funzionamento, cioè almeno che generi cash flow. 

2) Costruisci con uno scopo: significa che devi avere uno scopo un po' più generale come imprenditore e sapere anche a che cosa devi dire di no. 

3) Perfavore, prima di avviare una nuova azienda studia da dove verrà il cash flow. Se non lo fai i soldi li dovrai mettere tu 

4) Costruisci una reportistica di ferro. Gli imprenditori seriali controllano i numeri (le vendite) tutti i giorni. Abbi un sistema di controllo finanziario almeno mensile. Abbi un sistema strutturato per incontrare le persone delle varie aziende

5) Time Management

6) Scegli le persone giuste. Importante avere nel team della nuova azienda qualcuno che è molto forte nelle vendite.  

7) Persevera e abbi dei sistemi utili a decompress quando ne avrai bisogno.  

Slide allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
25/02/2017

E' online il nuovo sito di OSM Russia, che è situata a San Pietroburgo. 

Per maggiori informazioni (in russo) sui servizi che mettiamo a disposizione delle PMI Russe, visita: 

http://opensourcemanagement.ru/ 


Admin 

Condividi:
15/02/2017

Oggi sono intervenuto alla riunione agenti di Nailevo www.nailevo.it . Ho condiviso alcune azioni necessarie al fine di essere un agente di successo in questo settore.

La APP con il corso gratuito sulla gestione del Tempo, di cui ho parlato durante il corso, potete trovarla qui:  

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.osm.osmcorsi&hl=it 

o qui

https://itunes.apple.com/it/app/o.s.m.-corsi/id1199889099?mt=8 

A seconda del telefono che utilizzate. 

Le slide della presentazione sono allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
09/02/2017

E' finalmente disponibile la APP OSM Corsi che include decine di corsi di formazione, da marketing a leadership, vendite, gestione d'impresa, Time Management composti da video pillole di 5-10 minuti ed esercitazioni pratiche

Apple: 

https://itunes.apple.com/it/app/o.s.m.-corsi/id1199889099?mt=8
 

Google Play

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.osm.osmcorsi&hl=it 

Scaricala dal tuo store preferito, è gratuita e prova il corso di Time Management.

Paolo Ruggeri  
Condividi:
22/01/2017

Il Sole XXIV Ore ha pubblicato oggi una recensione del mio ultimo e-book Delegare in 1 Ora: 

"Il manager, è innanzitutto una guida per l'azienda, è la persona che più di ogni altra deve possedere uno sguardo a lungo termine, che vede in modo nitido le mete e la strada per raggiungerle. Ma, per poter fare tutto questo e anche per conservare il giusto tempo per se stesso, deve imparare a delegare, deve creare un sistema efficiente che gli permetta di occuparsi, come è giusto che sia, delle cose davvero importanti...e di lasciare in buone mani il resto, di fidarsi (e affidarsi) ai suoi collaboratori consapevole che hanno tutti gli strumenti, e il desiderio, di aiutarlo a gestire tutti i vari ambiti aziendali"

La recensione totale è disponibile qui: 

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2017-01-21/impara-delegare-un-ora-104858.shtml?uuid=AENcV6E  


Paolo Ruggeri 
Condividi:
Pagina 1 di 52 > | >>Vai a pagina: 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-35-36-37-38-39-40-41-42-43-44-45-46-47-48-49-50-51-52
Categorie

ARTICOLI