X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
Pagina 1 di 51 > | >>
14/04/2017

Ho passato due giorni splendidi in una Signora azienda Italiana: Top Quality Group, un'azienda in forte crescita nel settore delle apparecchiature medicali per l'estetica. 

Come sempre quando vai in un'azienda in forte crescita incontri grandi persone e respiri un'area di forza e di energia. 

Sinceri complimenti a tutto il team e alla Famiglia Flavi, persone eccezionali. 

Numerosi dei partecipanti mi hanno chiesto una lista di libri da studiare per approfondire. La metto qui di seguito. 

LIBRI DI PAOLO RUGGERI 

I Nuovi Condottieri Engage Editore: Libro che illustra come gestire e far crescere i propri venditori 

http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=51 

Le 10 Regole del Successo Engage Editore: Libro che spiega in modo semplice come costruire una carriera di successo. 

http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=50 

LIBRI DI ALTRI AUTORI (MA BRAVI)

Le 7 Regole del Successo di Stephen Covey Franco Angeli 
Alla Ricerca dell'Eccellenza Tom Peters 
Good To Great Jim Collins 
Come Trattare gli Altri e Farseli Amici Dale Carnegie 

Slide del mio intervento allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2017

Oggi, di fronte a un bel gruppo di imprenditori Bolognesi ho fatto la mia parte e ho diffuso un po' di spunti e consigli per prepararsi per il futuro. 

Qui in allegato le mie diapositive.

Mi sono rimaste in mente le tre domande poste dal mio collega Luca Torcivia: 

1) Chi non stai affrontando? 

2) Qual è il progetto che sai farebbe la differenza per la tua azienda in futuro ma che non inizi per paura? 

3) Qual è la decisione che sai di dover prendere ora? 


Grazie a tutti per la partecipazione e per l'interesse.

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
27/03/2017

NATO PER VENDERE

EDIZIONE SPECIALE MBS 20 E 21 APRILE 2017


Se vuoi costruire un’impresa di successo non c’è abilità più importante di quella di saper vendere o persuadere le persone.

Alla MBS lo sappiamo bene. Non è un caso che la nostra Piramide Rovesciata sia ancora oggi lo strumento di formazione più utilizzato in Italia nel campo delle vendite da innumerevoli società di consulenza, formatori, direttori commerciali e reti vendita.

Per la edizione della MBS Business School di Aprile 2017 abbiamo invitato una serie di imprenditori di grande successo che spiegheranno come loro, in quanto imprenditori, tutti i giorni affrontano la vendita e valorizzano i loro prodotti sul mercato, sia questo direttamente con i clienti o tramite una rete di venditori.
Ogni partecipante, dunque, oltre a progredire sul proprio percorso di studio personalizzato, avrà modo di essere riempito di energia e di potenti segreti da parte di persone che hanno costruito reti vendita di grande successo.

I relatori:

Andrea Condello: COME AUMENTARE LA TUA PERCENTUALE DI CHIUSURA E FARE VENDITE PIU’ GRANDI
Socio Fondatore e Direttore Commerciale di OSM www.andreacondello.it , autore di Vendere in 1 Ora, una persona che nel passato ha costruito reti vendite di centinaia o migliaia di persone per più di un’azienda. Andrea è una persona che ti ipnotizza con il suo charme e in seguito diventa una persona indispensabile per l’azienda grazie alla sua correttezza, sostanza e capacità di farsi benvolere.

Andrea parlerà di A VOLTE NON E’ COME SEMBRA: quali sono le cose semplicissime che puoi fare per aumentare da subito la tua percentuale di chiusura e il valore medio dei tuoi contratti.

Pierangelo Maren: I MIEI SEGRETI PER VENDERE 1 MILIONE AL MESE
Pierangelo è stato in grado di costruire una rete vendita che vende macchine industriali a vapore in tutto il mondo www.novaltec.it , battendo spesso concorrenti molto più grandi di lui. La sua grande capacità è quella di valorizzare il prodotto costruendo per il cliente una proposta di valore unico. Una persona con grande charme, divertente e appassionata. Ci spiegherà come si fa a partire dal niente e arrivare a vendere 1 milione al mese.

Wilco Alexander Egger: VENDERE ALL’ESTERO
Creanova www.creanovagroup.com è un’azienda che vende in tutto il mondo macchine medicali di design. Wilco non è un solo un imprenditore di grande successo ma è anche un inventore e una persona che ha una fortissima predisposizione per il marketing. Ci spiegherà come si fa a vendere all’estero e a fare accettare la propria azienda a livello internazionale.

Paolo Ruggeri: COSTRUIRE UNA RETE DI ALLEANZE CHE TI PASSI CLIENTI
CEO di OSM ci parlerà dell’importanza di una grande rete di alleanze. Nelle 10 Regole del Successo egli afferma: Sarà la tua rete di alleanze, più di ogni altra cosa, a spingerti, a promuoverti e a coinvolgerti nelle opportunità. Paolo ha costruito una rete di amici in tutto il mondo che lo coinvolge nelle più disparate opportunità, oltre che – non meno importante – passargli un gran numero di clienti. Scopri anche tu come costruirti la TUA rete di alleanze.

Mario de Iuliis: I SEGRETI DELLA PERSUASIONE OSM Partner Marche Abruzzo. Mario è un grandissimo commerciale e negli ultimi mesi ha condotto una ricerca su come affinare le abilità di persuasione. Terrà un breve intervento: 4 attività che puoi mettere in campo fin da subito per diventare un persuasore migliore.

---

Cinque super venditori, ognuno con stili e peculiarità diverse, ognuno che ogni anno raccoglie milioni di euro di vendite.

Parleranno di vendite, di emozioni, di alleanze, di valore, di approccio, di amore e di quello che serve per fare la differenza quando sei di fronte ad un cliente.

Il tutto nell’ambiente stimolante della Mind Business School di OSM, la prima scuola Italiana dove sono gli imprenditori a insegnare agli imprenditori. Ci sarà quindi anche studio personalizzato, possibilità di interagire, confrontarsi e ricevere coaching personalizzato dai relatori e dagli altri imprenditori e consulenti di OSM.


Giochi, studio, scambio idee, confronti, coaching, allenamento. La ricetta perfetta perché anche tu possa oggi mettere le basi che ti porteranno AL TUO prossimo milione di euro.


Bologna, 20 e 21 Aprile NATO PER VENDERE


Per informazioni scrivi a info@osmanagement.it  


Condividi:
27/03/2017

Quando avevo 20 anni pensavo solo a quanti soldi mi sarebbero serviti per andare in pensione. Lavoravo solo per quelli. Eppure non riuscivo a raggiungere i risultati sperato. Oggi invece mi piace talmente tanto ciò che faccio che non ci penso più in alcun modo.

Il fatto è che è cambiato il mio atteggiamento. Ciò che è fondamentale è continuare a perseguire le proprie aspirazioni e non demordere mai. Nel 2001 ho pubblicato Il libro “I nuovi condottieri” . Con il reparto marketing dell’azienda pianificammo una serie di azioni. Partimmo inviando una newsletter cartacea con un modulo d’ordine per l’acquisto del libro a tutto il database clienti del tempo. Migliaia e migliaia di imprenditori. Risultato: 2 libri ordinati. E poi mandammo i fax (all’epoca si usavano quelli!): ancora niente

In azienda si incominciava a mormorare…un sacco di soldi per produrre il libro e per promuoverlo…mesi di lavoro a lavorarci sopra distogliendo l’attenzione dai clienti…
Ma non mollai: cambiammo il tipo di promozione, iniziammo ad organizzare eventi di presentazione del libro, trovammo un distributore…

Adesso “I nuovi condottieri” è il libro italiano di management più letto nel mondo, tradotto in 9 lingue, con centinaia di migliaia di copie vendute in tutto il globo. Un libro che mi ha permesso di raggiungere migliaia di imprenditori che poi, proprio grazie al libro, sono diventati miei clienti e hanno partecipato ai miei corsi,

Ma se mi fossi arreso…se avessi ascoltato le voci di chi diceva di abbandonare…ora non sarei dove sono!

Ecco quindi i 5 segreti che mi hanno permesso di guadagnare il mio primo milione di euro (a cui fortunatamente hanno fatto seguito degli altri negli anni!) :

1) SII UN OSSESSO E UN RIBELLE

- Sfida lo status quo: Devi sfidare lo status quo. A volte devi anche essere in disaccordo creativo. Oggi in auto ho ascoltato la radio. Le notizie sono state le misure di sicurezza sugli aerei contro gli attentati, fatti di cronaca nera e altre notizie negative. Ho capito che forse sarebbe stato meglio ascoltare la musica perché il mondo ti mette in uno stato mentale di negatività. Il disaccordo creativo significa proprio concentrarsi sul creare e sulla positività. Se ti metti ad ascoltare la radio, i giornali, la televisione ti convinci che c’è la crisi, che non si può guadagnare, che in Italia non si può fare impresa…inizia non ascoltandoli!

- Rompi le regole e fai qualcosa di radicale: Se giochi contro il campione di scacchi, probabilmente non riuscirai a vincere se non cambi le regole del gioco. Prova a sfidarlo inserendo delle nuove regole: adesso il cavallo si muove come la regina, e l’alfiere come la torre!...Quando entri in un nuovo settore, cerca un modo per innovare e cambiare le regole, altrimenti rimani schiacciato da chi quel mercato lo conosce meglio di te.

2) IMMAGINA IL MONDO DA QUI A 15 ANNI E BUTTATI

- Buttati senza riserve se pensi che un progetto possa funzionare bene. Io ad esempio credo tantissimo sulla app “OSM Corsi” perché credo che sia il futuro della formazione. Un’ applicazione sulla quale, al prezzo di poche centinaia di euro, un imprenditore può ottenere una conoscenza in tema di gestione d’impresa con un valore economico incommensurabile. Un controsenso per chi, come me, vende corsi di management da migliaia di euro. E’ contro-intuitivo: sto andando contro il mio business stesso, apparentemente. Eppure su questo progetto sto scommettendo molto e penso che questa scommessa verrà ripagata. Guarda Whattsapp: vende la sua app a 89 centesimi eppure è stata comprata da Facebook per 19 miliardi di euro!

3) IL PROGETTO E’ CON CHI E NON NECESSARIAMENTE CHE COSA

- I risultati migliori in genere avvengono perché si crea la giusta alchimia tra le persone che prendono parte ad un progetto. La chiave quindi non è tanto “il cosa”, ma il “con chi”. Prima scegli le persone giuste e poi decidi assieme a loro cosa costruire e come costruirlo.

4) PENSA AGLI SCOPI DELLE PERSONE

- Devi avere una grande organizzazione, composta da tante persone, per prosperare. Queste persone devono avere un vantaggio concreto nel contribuire a far prosperare l’organizzazione. Un’azienda consiste in scopi coordinati, “procedure istutite e allenate” per risolvere problemi e terminali stabili. Devi capire il sogno dei tuoi collaboratori e aiutarli a raggiungerlo. Se li aiuti a raggiungere i loro sogni loro ti aiuteranno a raggiungere il tuo! Per espandersi un’azienda deve rafforzare i suoi scopi, inserire nuove procedure che le diano più forza .

5) DIVENTA UN OTTIMO MANAGER DELLA TUA ORGANIZZAZIONE

- Gestisci le tue finanze in modo egregio. “Gli sfizi si pagano con gli spiccioli”: togliti le tue soddisfazioni con i soldi che avanzano, mai con quelli necessari per gestire al meglio l’azienda!
- Impara a fare marketing: puoi inventare il prodotto migliore del mondo ma devi sapere come portarlo ai clienti.
- Impara a reclutare, formare e motivare le persone
- Impara a vendere nel modo migliore ciò che hai da offrire

Paolo Ruggeri

Condividi:
14/03/2017

La più grande bugia della vita è che non c’è tempo. Se hai la voglia di fare, c’è tempo di fare qualsiasi cosa. Io gestisco diverse attività in differenti settori e, nonostante i mille impegni, a volte mi avanza del tempo.

Premessa : Tu usi sempre tutte le tue abilità. Per me la soluzione a tutti i problemi è avviare attività in un nuovo paese. E’ un paradosso, ma avviando un business in un nuovo paese anche gli altri business vanno meglio. E’ il contrario dell’opinione comune. Quando hai un problema, creane uno più grande e scoprirai che magicamente tutto si sistema. Quando un individuo si concentra troppo su un problema è perché ha solo quello e quindi quel problema lo deve amplificare. 

Il vero problema delle persone è che a volte hanno troppo pochi problemi e quindi non riescono a risolverli.

Pensaci: se in un giorno hai una sola cosa da fare quanto ci metterai a farla? Tutto il giorno! Se invece per quella stessa cosa hai a disposizione solo mezza giornata ti metterai a correre e riuscirai a completarla nel tempo disponibile. Il tempo che ognuno di noi ha a disposizione dipende piu' che altro dai sogni che insegue e dalle illusioni che cerca di realizzare piuttosto che da qualsiasi altro fattore.

La verità è che molti imprenditori si perdono dietro a piccole impellenze perdendo di vista il focus generale.

Le 7 regole per avviare e gestire più aziende

1) Non puoi fare mille cose contemporaneamente. Devi avviare prima un’azienda, quando questa funziona bene puoi avviare un secondo business, delegando alcune attività della prima.


2) Costruisci con uno scopo. Molte volte dico no a nuovi business, perché io ho uno scopo e questi nuovi business non rientrano in questo scopo che intendo perseguire. Per scopo intendo: “per cosa esisti tu come persona?”. Se un business nuovo non può farti fare progressi verso quello scopo, allora non è ciò che fa per te. Il mio scopo è “diffondere il più possibile la conoscenza ad un costo sostenibile, che si avvicini il più possibile allo 0”. Devi dire di no a investimenti basati esclusivamente su aspetti economici. Nella seconda impresa che avvii rifiuta le partnership in cui sei tu la persona che deve occuparsi principalmente dell’attività. Nelle seconde imprese devi investire assieme a persone che possano seguire l’attività. Devi imparare a dire di no alle persone che fanno perdere tempo.


3) Capisci immediatamente da dove verrà il cash flow. In passato ho investito 20.000€ in una startup tecnologica. Questi soldi li ho persi. Tutto sembrava funzionare, le persone con cui lavoravo erano estremamente competenti, ma non c’era un piano chiaro su come avremmo guadagnato. Deve esserci un business plan. E se non sai da dove arrivano i soldi significa che i soldi arrivano solo da te. Investi ma datti un tempo entro cui i tuoi investimenti devono essere ripagati.


4) Costruisci una reportistica di ferro. Devi tenere sempre tutto sotto controllo e capire bene le statistiche dell’attività. Quanto entra e quanto esce? L’azienda sta generando ricchezza? Il fatturato è in aumento? Devi conoscere i numeri settimanalmente ma ancora meglio su base giornaliera.


5) Time management: il principio del time management è molto semplice. Devi programmare tutto. Tu devi sapere già in anticipo cosa dovrai fare e devi ritagliarti del tempo per programmare nel minimo dettaglio tutte le tue attività. Devi scrivere le cose da fare, usare delle liste e dei piani di attività giornalieri e settimanali. Non è il tempo che manca, sono i progetti. Tutto si basa sulla legge di Parkinson sul tempo. Il tempo necessario per fare un’attività è il tempo che hai a disposizione. Se hai due giorni di tempo per fare qualcosa, ci metterai esattamente due giorni. Se invece per fare la stessa attività hai solamente un quarto d’ora, riuscirai a farlo in un quarto d’ora. Il lavoro si espande in base al tempo che hai a disposizione. Il concetto “non ho tempo” è in realtà una grande illusione. Tutto ciò che non puoi gestire tu in prima persona, devi saperlo delegare. Impara e delegare e a costruire persone che possano fare le cose al posto tuo. Ciò che non puopi delegare sono solamente tre aspetti: strategia d’azienda, controllo di gestione, gestione delle risorse umane.


6) Scegli le persone giuste. La lealtà è più importante della capacità. Devi trovare persone che hanno voglia di vincere. La persona che stai per assumere ha dovuto guidare almeno un progetto in azienda? Sono state promosse almeno una volta in un lavoro passato? In una startup in particolare serve una persona davvero forte nelle vendite e che abbia una grandissima determinazione.


7) Perseveranza. Devi insistere in ciò che fai. Se la situazione non permette di riuscire nel breve termine, congela eventualmente l’attività e poi riprendila quando le condizioni saranno migliori.


Paolo Ruggeri


Condividi:
05/03/2017

Un high net worth individual è qualcuno che possiede 1 milione di dollari in stato semiliquido, quindi pronti per essere investiti.

Il web brulica di corsi di formazione e di esperti e guru, ma quanti ne conosci che sono davvero milionari o high net worth individuals?

Io sono un forte sostenitore del ruolo sociale dell’impresa e del fatto che se la motivazione principale dell’imprenditore o del professionista è quella di accumulare danaro, spesso i suoi risultati saranno tutt’altro che soddisfacenti.

Ma ciò non toglie il fatto che un’impresa se è ben gestita deve generare utili e deve pagare un sostanzioso dividendo ai suoi soci. Perché, altrimenti, rinunciare a tanti progetti e fare così tanti sacrifici se non ci sarà mai un adeguato ritorno economico?

Alla MBS, la prima scuola di business per imprenditori, noi crediamo che siano gli imprenditori a dover insegnare agli imprenditori e, per affrontare questo argomento con successo, abbiamo deciso di coinvolgere quattro imprenditori che, pur partendo da risorse pari a zero, hanno costruito aziende milionarie e hanno accumulato fortune altrettanto grandi.

Il 21 e 22 Marzo, a Bologna, faremo sì che spieghino ai loro colleghi come hanno fatto a costruire il loro primo milione, il più difficile. Non lo faranno, però, sostenendo le ultime mode o teorie del management o ripetendo una teoria che hanno imparato dai libri di questo o quel guru (e che però non hanno mai applicato), ma lo faranno spiegandoti, nella pratica, che cosa devi fare tu per costruire IL TUO primo milione.

In Italia, dal 2012 al 2015 il numero di High Net Worth Individuals (persone che hanno almeno 1 milione di dollari da investire) è passato da 176.000 a 226.000, cioè è aumentato di circa un 30%, segno che ANCHE OGGI è possibile costruire la propria fortuna economica facendo l’imprenditore. Ma, devi conoscere le nuove regole.

Abbiamo selezionato quattro imprenditori che hanno costruito le loro fortune qui in Italia negli anni recenti e abbiamo chiesto loro di condividere le loro azioni vincenti e quello che davvero ti mette in condizione di costruire la tua fortuna.

Il 21 e 22 Marzo, come parte del programma MBS, a Bologna avremo quindi quattro relatori:

Patrizio Cappella. Patrizio che gestiva una piccola società di trasporti ereditata dalla famiglia, nel 2008 si è trovato di fronte a un punto di svolta: a seguito della crisi finanziaria tutti i suoi clienti stabili gli avevano annunciato che avrebbero ridotto drasticamente i trasporti. Il baratro di fronte. Paradossalmente, quella situazione gli diede uno slancio incredibile. Pur privo di master, di istruzione universitaria o di diplomi specifici, Patrizio è stato in grado di trasformarla in un vero e proprio gioiello nel settore: un’attività prospera e con un alto grado di soddisfazione da parte del personale interno www.acbsrl.it . La sua attività è quindi cresciuta fino a rilevare la Ortelli Srl, www.ortelli.it  un’altra attività di trasporti del settore che ha riorganizzato e rilanciato. Oggi è un imprenditore a tutto tondo con investimenti in svariati settori.

Ma un dubbio rimane: che cosa accadde nel Dicembre del 2008, che gli permise di cambiare per sempre le sorti della sua impresa? Che cosa lo portò a costruire il suo primo milione?

Patrizio, oltre a illustrare la personale ricetta che lo ha portato al primo milione, spiegherà il carattere dell’imprenditore di successo.

Claudio Ongis, invece, è il Presidente e fondatore del gruppo CMO www.cmogroup.it  e incarna il modello dell’imprenditore metalmeccanico Italiano che ede avanti e, grazie alle grandi idee, alla genialità e all’etica del lavoro, partendo dalla cantina di casa riesce a costruire una delle aziende leader in Europa nella produzione di componenti in rame per i sistemi elettrici.

La storia di Claudio è quella dell’imprenditore che vede avanti 10 anni e che ha il coraggio di fare ripetutamente innovazioni radicali che spiazzano tutti i suoi concorrenti. Prima porta CMO al successo, poi tramite una rete di alleanze di grande spessore, si espande in tutti i settori attigui avviando aziende nell’engineering, nella componentistica pneumatica, nei servizi a terzi, nell’Hospitality, in Italia e in altri Paesi del mondo. Oggi la sua azienda sta facendo quegli investimenti che le garantiranno la leadership per i prossimi vent’anni con investimenti in robotica, risorse umane e grandi innovazioni.

Claudio è un imprenditore completo ma dal lato umano e con i piedi per terra. Ci spiegherà come si costruisce un gruppo leader.

Mario Tasso è un imprenditore seriale che è in grado di costruire e delegare aziende che funzionano anche senza di lui. Mario ha costruito aziende di grande successo nella metalmeccanica www.tasso.it, nelle costruzioni www.tassocandeloro.it  , nell’edilizia e, recentemente, si sta cimentando anche nei servizi. Ma la grandezza di Mario non sta nel suo successo ma sta nella sua esperienza e nel fatto che è il tipo di persona che si mette anche a raccontarti tutti i suoi errori e ti spiega, per filo e per segno, le cose che lo hanno portato fuori strada e che anche tu dovresti evitare nel tuo percorso verso la grandezza.

Mario in una avvincente lezione ci spiegherà in modo semplice e immediatamente fruibile tutti i sistemi che devi avere in funzione per fare utili, davvero, nella tua azienda. Quali sono i sistemi semplici e immediati che devi usare per controllare i flussi di denaro e generare liquidità, come fare a tagliare in modo efficace le spese improduttive, come creare avanzi di cassa in azienda. Partecipando alla sua lezione conoscerai un grande imprenditore ma, innanzi tutto, un grande uomo.

Paolo Ruggeri è il CEO di OSM International Group, www.osmconsultgroup.com la prima società di formazione Italiana ad aver esportato i suoi servizi di formazione, consulenza e analisi del personale nel mondo. Le aziende di Paolo, infatti, erogano servizi in Italia, negli USA, in Canada, in Brasile, in Russia, Bulgaria, Spagna, Romania e Inghilterra. Ma non è questa la vera forza di Paolo.

Paolo, infatti, sembra un uomo dalle nove vite. Una delle prime persone ad aver portato in Italia il management delle Risorse Umane all’inizio degli anni ’90, regolarmente viene dato per morto, ma costantemente rinasce con una nuova super impresa, una nuova rete in franchising, un nuovo concept per il training dei manager e degli imprenditori. Per non parlare poi della sua capacità di costruire alcuni dei migliori relatori, formatori e consulenti.

Paolo ritiene che l’entusiasmo di oggi si trasformi nel denaro di domani e, nel descrivere la sua personale ricetta per costruire il proprio primo milione di euro, Paolo ci parlerà della vita, di come avere entusiasmo ed energia sempre, di come animarsi, di come attirare persone dalle vibrazioni positive.
---

Quattro milionari, quattro high net worth individuals, quattro imprenditori partiti dalla cantina che hanno costruito imprese solide e che fanno la differenza, in più di un settore.

Parleranno di carattere, di gestione delle finanze, di liquidità, di sogni, di come guardare avanti e fare innovazioni radicali, di risorse umane, di vibrazioni positive, di entusiasmo e di produttività.

Il tutto nell’ambiente stimolante della Mind Business School di OSM, la prima scuola Italiana dove sono gli imprenditori ad insegnare agli imprenditori. Ci sarà quindi anche studio personalizzato, possibilità di interagire, confrontarsi e ricevere coaching personalizzato dai relatori e dagli altri imprenditori e consulenti di OSM.

A disposizione degli studenti nel corso delle due giornate, infatti, oltre ai numerosi coach e consulenti di OSM ci saranno anche alcuni dei relatori della passata edizione della MBS Millionaire:

Tristano Ortolani di Eban www.ebansrl.com  che sarà a disposizione per coaching e confronti per gli imprenditori nel settore del design o che volessero costruire una rete vendita a livello nazionale.

Pierangelo Maren, di Novaltec www.novaltec.it  sarà invece a disposizione degli imprenditori che volessero rivoluzionare il loro approccio alla vendita e pensare in grande.

Giochi, studio, scambio idee, confronti, coaching, allenamento. La ricetta perfetta perché anche tu possa oggi mettere le basi che ti porteranno AL TUO prossimo milione di euro.

Bologna, 21 e 22 marzo MBS 1 MILLION

Per informazioni scrivi a info@osmanagement.it
Condividi:
01/03/2017

Oggi, presso la MBS, ho tenuto un intervento circa le sette regole per avviare e gestire più aziende. 

Le slides, nonostante utili per chi dovesse tenere presentazioni simili, non riescono a rendere tutti i concetti della presentazione, ma in essenza queste sono le 7 regole: 

1) Avvia prima un'azienda e portala ad un livello decente di funzionamento, cioè almeno che generi cash flow. 

2) Costruisci con uno scopo: significa che devi avere uno scopo un po' più generale come imprenditore e sapere anche a che cosa devi dire di no. 

3) Perfavore, prima di avviare una nuova azienda studia da dove verrà il cash flow. Se non lo fai i soldi li dovrai mettere tu 

4) Costruisci una reportistica di ferro. Gli imprenditori seriali controllano i numeri (le vendite) tutti i giorni. Abbi un sistema di controllo finanziario almeno mensile. Abbi un sistema strutturato per incontrare le persone delle varie aziende

5) Time Management

6) Scegli le persone giuste. Importante avere nel team della nuova azienda qualcuno che è molto forte nelle vendite.  

7) Persevera e abbi dei sistemi utili a decompress quando ne avrai bisogno.  

Slide allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
25/02/2017

E' online il nuovo sito di OSM Russia, che è situata a San Pietroburgo. 

Per maggiori informazioni (in russo) sui servizi che mettiamo a disposizione delle PMI Russe, visita: 

http://opensourcemanagement.ru/ 


Admin 

Condividi:
15/02/2017

Oggi sono intervenuto alla riunione agenti di Nailevo www.nailevo.it . Ho condiviso alcune azioni necessarie al fine di essere un agente di successo in questo settore.

La APP con il corso gratuito sulla gestione del Tempo, di cui ho parlato durante il corso, potete trovarla qui:  

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.osm.osmcorsi&hl=it 

o qui

https://itunes.apple.com/it/app/o.s.m.-corsi/id1199889099?mt=8 

A seconda del telefono che utilizzate. 

Le slide della presentazione sono allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
09/02/2017

E' finalmente disponibile la APP OSM Corsi che include decine di corsi di formazione, da marketing a leadership, vendite, gestione d'impresa, Time Management composti da video pillole di 5-10 minuti ed esercitazioni pratiche

Apple: 

https://itunes.apple.com/it/app/o.s.m.-corsi/id1199889099?mt=8
 

Google Play

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.osm.osmcorsi&hl=it 

Scaricala dal tuo store preferito, è gratuita e prova il corso di Time Management.

Paolo Ruggeri  
Condividi:
22/01/2017

Il Sole XXIV Ore ha pubblicato oggi una recensione del mio ultimo e-book Delegare in 1 Ora: 

"Il manager, è innanzitutto una guida per l'azienda, è la persona che più di ogni altra deve possedere uno sguardo a lungo termine, che vede in modo nitido le mete e la strada per raggiungerle. Ma, per poter fare tutto questo e anche per conservare il giusto tempo per se stesso, deve imparare a delegare, deve creare un sistema efficiente che gli permetta di occuparsi, come è giusto che sia, delle cose davvero importanti...e di lasciare in buone mani il resto, di fidarsi (e affidarsi) ai suoi collaboratori consapevole che hanno tutti gli strumenti, e il desiderio, di aiutarlo a gestire tutti i vari ambiti aziendali"

La recensione totale è disponibile qui: 

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2017-01-21/impara-delegare-un-ora-104858.shtml?uuid=AENcV6E  


Paolo Ruggeri 
Condividi:
23/12/2016

Da soli si va veloci, insieme si va più lontani" dice un famoso proverbio.
Il segreto è avere delle persone al proprio fianco a cui saper DELEGARE. Liberarsi del lavoro in eccesso, affidando ad altri le attività operative.

Smetti di essere il tuttofare della tua azienda!


Costruisci un sistema che ti renda "superfluo"! Tu devi impostare, creare la strategia, guidare l'azienda dall'alto. Ma devi far sì che i tuoi collaboratori lavorino per te, non devi lavorare tu per loro. Devi avere il tempo per dedicarti alle attività veramente importanti, alla programmazione strategica, ma anche ritagliare del tempo per te stesso o per altre attività al di fuori dell'azienda che ti porteranno grande prosperità in futuro.

Ma come si costruisce un sistema per delegare?

Devi sapere che le funzioni di qualsiasi azienda possono essere suddivise in 3 macroaree

• Amministrazione e Finanza
• Produzione o Operations
• Commerciale e Marketing

In ognuna di queste aree dovrebbe esserci un responsabile che si occupa di gestire le risorse che lavorano in quella specifica macroarea e, attraverso numeri e statistiche, opera delle modifiche e fornisce le indicazioni necessarie affinché quella macroarea funzioni al meglio delle capacità.
In una piccola media impresa generalmente il titolare è anche responsabile di una di queste tre aree. Se è responsabile di più di una di queste aree, si è in una condizione di inefficienza. Il titolare dovrebbe nominare un responsabile in ognuna delle altre aree e coltivare i rapporti con essi, in modo da delegare il lavoro.

Per delegare e rendere completamente autonomi i responsabili delle altre aree, sono necessarie capacità di due tipi:

• Aspetti motivazionali: la tua capacità di accendere le persone e spingerle a dare il meglio
• Aspetti tecnici: la tua capacità nel gestire mansionari, designare ruoli e organizzare i flussi di lavoro

Questi due aspetti devono essere coltivati in egual misura perché in assenza di una delle due, il titolare non sarà in grado di delegare in modo efficace.

Per motivare le persone è necessario capire cosa desiderano davvero, quali sono i sogni che vorrebbero realizzare e dargli una possibilità di ottenere ciò che vogliono. Questa cosa non sempre è il denaro, anzi, in realtà non è quasi mai il principale motivo che spinge le persone a dare il massimo.

Per spiegare in sintesi la delega efficace ho coniato un acronimo: O.S.A. ORA S.I.

In sostanza significa
Obiettivi: devi dire alle persone qual è la meta da raggiungere
Statistiche: devi dire quali sono i numeri da monitorare per capire se la direzione è giusta o se c’è qualcosa da migliorare
Azioni: devi dire alle persone cosa deve fare e come raggiungere il risultato

Comincia ORA, devi dire alla persona di partire subito
Spingi: devi motivare la persona a fare sempre meglio
Incontri di feedback: devi sapere in modo costante come sta andando e ascoltare eventuali difficoltà
L’obiettivo finale è costruire qualcosa che funzioni anche senza di te.

I principi cardine della delega:

- Ogni individuo è abile di fare qualunque cosa: non accettare mai in azienda l’idea del “non sono capace”. Una persona se si impegna può fare qualsiasi cosa, magari andrà formata, ma tutto è possibile. La verità dietro al “non sono capace” è “non voglio fare questa cosa/mi richiede troppo sforzo imparare a farla”

- La non utilizzazione delle persone è una delle psicosi della società odierna. Devi sfruttare le tue risorse. Sfruttarle in senso positivo. Devi circondarti delle persone giuste, pagarle bene e premiarle. Ma devono essere loro a lavorare per te e non tu a lavorare per loro.

- Prima devi trovare del lavoro da fare per gli altri, poi fai il tuo.

- Sii paziente

- Aspettati che ci saranno delle difficoltà. La delega che funziona è un’eccezione e non la regola.

Leadership e delega:

- Prima vinci tu. Impara a fare l’attività che vuoi delegare. Non puoi sperare di delegare l’attività di marketing o l’amministrazione se non conosci minimamente la materia.
- Costruisci il sistema vincente. Un sistema è composto da delle procedure che “chiunque” sarebbe in grado di realizzare.

- Ora puoi delegare

- Per delegare devi fornire alla persona un esatto manuale d’uso delle attività da svolgere.

La domanda preliminare è: “Tu sai fare quel lavoro che stai cercando di delegare?” Se non lo sai fare devi per forza assumere una persona molto capace che sa fare davvero bene quel lavoro (e probabilmente dovrai pagarla anche molto bene).

Una volta che hai capito come fare al meglio lì’attività da delegare, siediti con la persona e fai una lista delle cose da fare. Scrivi per filo e per segno che cosa dovrebbe fare in modo che senza di te possa farlo. Non devi dare nulla per scontato, devi resettare ciò che sai e metterti nei panni della persona a cui stai delegando il lavoro.

La scaletta da seguire è questa:

- Qual è l’obiettivo di quell’ attività?

- C’è una statistica che si può usare per vedere come va l’attività? Ad esempio per un venditore dovrai tenere monitorato il valore delle vendite. Per un responsabile marketing dovrai tenere monitorate le richieste di maggiori informazioni ricevute dall’azienda…

- Quali sono le Azioni da svolgere (spiegate per filo e per segno)?

- Comincia ORA! Viste le prime cose “butta la persona in acqua”. Una persona capace starà a galla e sarà in grado di cavarsela. Magari non sarà ancora un fenomeno ma sarà in grado di cavarsela, poi con il tuo aiuto e con il tempo crescerà

- Digli “Vieni da me se c’è qualsiasi problema”

- Dai sicurezza alla persona e infondile coraggio

- Portala ad ottenere un primo risultato. I risultati aumentano la fiducia in se stessi. Aiuta la persona a raggiungere velocemente dei risultati positivi. Questi primi risultati sono benzina motivazionale. La persona si gasa, si carica e butta quest’energia nelle attività successive.

Quando delegate state sviluppando responsabilità nella persona a cui delegate. Gli state dando la possibilità di fare delle cose in autonomia. Se sai delegare in modo efficace, la persona pian piano inizierà a fare delle scelte da solo, senza spinte esterne. Lo farà fin quando non avrà più bisogno di te e sarà assolutamente in grado di gestire in autonomia quell’attività.

Smetti di essere il tuttofare della tua azienda!

Impara a delegare!

Paolo Ruggeri


VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME DELEGARE?CLICCA QUI E COMPILA IL MODULO!

L'arte della delega si può apprendere, anche grazie al' ebook "Impara a delegare in 1 ora" (al costo di 1,99), lo

Disponibile su iTunes, Amazon e tutte le principali librerie online!


Scarica l'ebook per


Iphone: https://itunes.apple.com/it/book/impara-a-delegare-in-1-ora/id1189053323?mt=11


per Amazon https://www.amazon.it/dp/B01MS05GRS/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1482504587&sr=8-1&keywords=DELEGARE+IN+1+ORA




Condividi:
23/12/2016

"Da soli si va più veloci, insieme si arriva più lontano", recita un famoso proverbio. E dice la verità.

Delegare, paradossalmente, può divenire complicato. Sembrerebbe scontato, ovvio, il valore del "farsi aiutare" dal proprio team, un team organizzato, con adeguate competenze e affiatamento. In realtà, a livello logico, sul piano della ragionevolezza, scontato lo è ma, a livello pratico/concreto, chi ha molte responsabilità tende a voler fare tutto da solo, crede di poterci riuscire. Sbaglia.

L'imprenditore è in primis una guida per la sua azienda, è la persona che più di ogni altra possiede uno sguardo a lungo termine, che vede in modo nitido le mete e la strada per raggiungerle. Ma, per poter fare tutto questo e anche per conservare il giusto tempo per se stesso, deve imparare a delegare, deve creare un sistema efficiente che gli permetta di occuparsi, come è giusto che sia, delle cose davvero importanti...e di lasciare in buone mani il resto, di fidarsi (e affidarsi) ai suoi collaboratori consapevole che hanno tutti gli strumenti, e il desiderio, di aiutarlo a gestire tutti i vari ambiti aziendali.

L'arte della delega si può apprendere, e con il nostro ebook "Impara a delegare in 1 ora" (che potrai scaricare con iBooks sul tuo Mac o con dispositivo iOS e con iTunes sul tuo computer al costo di 1,99), lo farai!

Disponibile su iTunes, Amazon e tutte le principali librerie online!

Scarica l'ebook per

Iphone: https://itunes.apple.com/it/book/impara-a-delegare-in-1-ora/id1189053323?mt=11

per Amazon  https://www.amazon.it/dp/B01MS05GRS/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1482504587&sr=8-1&keywords=DELEGARE+IN+1+ORA
Condividi:
20/12/2016

"Negli affari e nella leadership le crisi sono inevitabili. Se ti impegni nella vita e nel lavoro, ti capiterà regolarmente regolarmente di entrare ed uscire da crisi. La tua abilità di reagire in modo efficace a un fallimento o a una crisi è il vero indicatore della tua leadership, il tuo vero testo"

(Brian Tracy)

Ogni imprenditore o manager sa bene che nel suo percorso verso il successo ci saranno anche dei piccoli fallimenti o delle crisi. Non si può pensare di scalare l'Everest senza mettere in preventivo una sbucciatura al ginocchio.


Allo stesso modo non è possibile creare un gruppo travolgente senza vivere anche qualche crisi. Un collaboratore che se ne va, un collaboratore che ci delude, un fallimento con un cliente, sono solamente alcuni degli innumerevoli esempi di crisi che potremmo trovarci a dover affrontare.


Le crisi esigono un certo dazio emotivo. Ricevere una cattiva notizia o un rifiuto non fa piacere a nessuno, soprattutto quando mette in pericolo la nostra azienda o, ancora peggio, la situazione economica.


Ma se a furia di pagare dazi emotivi perdi completamente l'allegria, non riesci più a risolvere le crisi, diventi un creatore di crisi.


Se vuoi avere una carriera travolgente, devi imparare a difendere uno dei tuoi asset (*asset: qualcosa di valore che ti appartiene) principali: il tuo buonumore [...]

Quando entri in un'azienda dove c'è un titolare che ha mantenuto la carica positiva e l'allegria, vedi un ambiente completamente diverso. C'è un ambiente rumoroso e allegro, senti spesso ridere. Le persone sono estroverse e comunicano molto fra di loro. 

Esistono delle regole, ma la regole principale è soddisfare il cliente e tutto il resto può anche essere violato. Qaundo il manager gira per l'azienda, non solo le persone non si zittiscono, ma si divertono ancora di più. E dopo che hanno riso e scherzato con il loro manager, le vedi mettersi al lavoro con ancora maggior lena.

Se qualcuno sbaglia sa che l'azienda lo protegge e che non ci saranno biasimo o misure punitive nei suoi confronti. Quandi di fronte agli errori le persone si confrontano in modo aperto con il loro manager, accettandone consigli e discutendo in modo creativo per trovare soluzioni. Osservando queste persone, ci si rende conto che sentono davvero come proprio il loro luogo di lavoro...

TRATTO DA "I NUOVI CONDOTTIERI. UN MANUALE SULLA LEADERSHIP PER I MANAGER DEL TERZO MILLENNIO" DI PAOLO RUGGERI, SE VUOI PROSEGUIRE LA LETTURA CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO: http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=51




Condividi:
06/12/2016

Questo Natale, regala ai tuoi collaboratori un libro per la crescita personale, aiutali a migliorare se stessi, la loro vita e la loro carriera.

Allo stesso tempo circondati, nella tua azienda, di persone in grado di fare la differenza!

Molti imprenditori ci hanno raccontato che, grazie ai nostri libri, i loro collaboratori sono diventati più motivati, più coinvolti nell'obiettivo aziendale; imprenditori che hanno avuto la soddisfazione di fare la differenza nella vita delle persone a cui tengono, che stimano, con cui condividono tanto.

"Le 10 regole del successo", "L'etica del successo", "I nuovi condottieri"...la scelta, nel nostro catalogo (http://www.paoloruggeri.it/libri-paolo-ruggeri.asp), è ricca.

Chiamaci allo 051 8490411 o scrivi a info@paoloruggeri.it e, insieme, potremo personalizzare il tuo regalo; inoltre, se lo desideri, potremo porre in ogni libro un bigliettino con un pensiero speciale, unico, per augurare buon Natale al tuo team.
Condividi:
05/12/2016

Il 22 e 23 Novembre scorso alla business school OSM si sono alternati sul palco 6 milionari che ci hanno spiegato come sono riusciti ad accumulare la loro fortuna. Tra le tante cose dette sono riuscito a trovare alcuni fattori che li accomunano tutti:


1. SII DISPOSTO A FARE QUALUNQUE LAVORO E A FARLO CON PASSIONE

Le persone che diventano milionarie non seguono la passione ma hanno voglia di emergere e, per questo motivo, sono disposte a svolgere con passione e determinazione qualsiasi attività (legale ovviamente). Le persone che seguono la passione, invece, continuano a ricercare il lavoro che si adatti ai loro desideri e, così facendo, non partono mai. Fermo restando l’importanza della famiglia, se non sei disposto a lavorare sempre al tuo progetto: sabato, domenica, notte… è perché quello che stai facendo probabilmente non ti entusiasma. Vai a cercare qualcos’altro che ti accenda davvero. In qualunque cosa che fai sii un “ossesso”, Non accontentarti mai della mediocrità.

2. SII PREPARATO

Oggi se non sei preparato soccombi. Formati. Impara da quelli che sono più bravi di te. Molti dei milionari raccontano di come siano andati a scuola da persone capaci prima di lanciarsi nel business che ha poi creato il loro successo. Devi quindi cercare di studiare da bravi maestri, il meglio del meglio del settore e costruire partnership con loro. Vai lavorare gratis da loro piuttosto. Quello che imparerai potrebbe non avere prezzo.


3. LAVORA PER IL SUCCESSO DI CLIENTI E COLLABORATORI


Vai dal cliente con un altro obiettivo che non sia quello di vendere. Tu sei lì per creare valore per il cliente. Ogni volta che vai da un cliente chiediti perché quel cliente dovrebbe comprare proprio da te e non da un altro. Lavora poi per il successo dei tuoi collaboratori. L’azienda non deve generare solo profitto per l’imprenditore ma anche per i collaboratori. Il successo dell’azienda passa dal successo dei singoli. Devi essere un aggregatore di interessi, cioè tante persone devono sentire che tramite te raggiungeranno importanti risultati economici.


4. IL PROFITTO NON È MAI BANALE

Se pensi di usare un modello di business standard, avrai profitti standard, cioè in media con quelli del tuo settore. Per fare profitti straordinari devi, invece, cercare di sviluppare una soluzione innovativa, cioè un nuovo modello di business per il settore. Quindi continua a fare il tuo business mentre sviluppi una soluzione sofisticata. Ricorda: non si arriva mai al profitto con soluzioni banali.


5. CAPISCI DOVE STA IL BOOM A LUNGO TERMINE E INVESTI LI’

Devi pensare a dove starà il mondo tra 5 o 10 anni e devi avere il coraggio di investire ORA in quel progetto.


6. SCEGLI LE PERSONE CON CURA, NON PRENDERE IL PRIMO CHE ARRIVA


Devi cercare di attirare in azienda delle persone straordinarie. Il successo è per il 10% quello che fai e per il 90% con CHI lo fai. Le migliori idee di business non avevano a che fare solo con “che cosa faremo” ma soprattutto “con chi lo faremo”. Crea un ambiente armonico a tutti i costi. Non puoi portare in azienda i pirati. Il famoso venditore superstar mercenario. Non credere che cambierà. Magari ti porterà anche risultati nel breve periodo. Ma sappi che non sono queste le persone di cui circondarsi. Condividi con le persone sogni e risultati.


Un consiglio: dividi l’utile netto in quattro parti uguali:
a) Una parte accantonata
b) Una parte reinvestita
c) Una parte divisa tra le persone
d) Una parte all’imprenditore


Lavora incessantemente per il successo dei collaboratori. Abbi incentivi economici per tutti i componenti del tuo staff ed elimina velocemente le persone che non vanno bene per il tuo progetto. Più rimandi questa decisioni, maggiori saranno i danni che ti causeranno


7. ANCHE QUANDO GUADAGNI, MANTIENI UN RAPPORTO SANO CON IL DENARO


Conduci una bella vita ma mantieni uno stile di vita sano, non cadere nella follia. Non eccedere. Non sperperare. Togliti degli sfizi, senza mai esagerare. “I vizi si pagano spicci”, cioè con quello che avanza. Un capriccio è un capriccio. Se vuoi comprarti la Ferrari fallo, ma non aprire un mutuo per permettertela. Non dimenticarti della famiglia e di chi c’è sempre stato, anche quando i soldi non li avevi.


8. QUANDO NON TI SENTI COMPRESO DAI TUOI SOCI, TI SENTI OSTACOLATO O SENTI CHE NON C’E’ LEALTA, FORSE È ARRIVATO PER TE IL MOMENTO DI CAMBIARE

Non permettere a nessuno di bloccarti. Non devi mai scendere a patti con ciò in cui credi e con i tuoi valori. Non avere paura di separarti da queste persone, qualsiasi sia la perdita economica che potresti subire oggi. DOMANI l’avrai recuperata 2,5,10 volte!

Paolo Ruggeri


Condividi:
29/11/2016

Avendo costruito quasi 1000 tra formatori, relatori e presentatori in tutto il mondo, non è raro che mi venga chiesto di tenere dei corsi su come si interagisce con una platea. Ma il corso è decisamente molto di più: le persone che vi partecipano vengono letteralmente colpite da un’ondata di energia.

Ecco alcuni successi da un gruppo recente:

"Sono felicissima di aver partecipato a questo corso , che in realtà è STATO MOLTO DI PIÙ DI UN PUBLIC SPEAKING , ma e' stato un viaggio emozionale" VT, imprenditrice

"Ragazzi, per me questo corso è il numero 1 !!!
Paolo sei un grande condottiero!!! Voglio ringraziare a voi compagni di corso perché siete grandissime persone ed in ognuno di voi risiede un grande uomo!!!
Grazie!!!" CP, imprenditore


"Due giorni di grande emozione con un finale mozzafiato. Compagni fantastici un generosissimo Paolo hanno permesso questa esperienza. Grazie di cuore a tutti" SF, consulente aziendale


"Caspita ragazzi, per me è stata un'esperienza incredibile. Mi sento come un vulcano in eruzione! Sono carico a mille e pronto ad affrontare qualunque cosa. Grazie Paolo A Ruggeri: mi hai ripulito l'anima!" RR, imprenditore


"Mai avrei immaginato di poter condividere con Voi tutti due giorni così meravigliosi , MI AVETE DATO TANTO ! Un GRAZIE particolare a Paolo Ruggeri , personalità straordinaria , è riuscito a farci "VIBRARE" tutti assieme ! Se venerdì mattina eravamo un gruppo di persone slegate e sconosciute , sabato sera siamo diventati un team di anime VINCENTI ! Quante sensazioni , quanti VALORI sono emersi , l'essenza della VITA è proprio questa , stare uniti , conoscersi , volersi bene , CREDERE in NOI stessi , far emergere la nostra anima , e dare libero sfogo alle nostre EMOZIONI ! GRAZIE a tutti VOI !!" DF, imprenditore


Paolo Ruggeri

Condividi:
27/11/2016

Nel PDF allegato troverete dieci consigli che ho raccolto dagli interventi di sei milionari Italiani che hanno raccontato come hanno costruito, in Italia, il loro primo milione di euro. 

Per prenderlo cliccate su download delle slides. 

Perfavore aiutateci a diffonderlo. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
25/11/2016

Nell’organizzazione di un’azienda, il consiglio di amministrazione è l’organo collegiale al quale è affidata la gestione della società. Organo collegiale significa che il titolare non è una sola persona, ma una pluralità di persone che formano appunto il collegio e concorrono all’attività.

Scusami per il tecnicismo che a volte è necessario utilizzare, in semplici parole il C.d.A. di coppia sta a significare che entrambi siamo titolari e responsabili della stessa e prendiamo le decisioni insieme, dopo un confronto sui possibili diversi punti di vista. È un impegno reciproco, una maggiore consapevolezza come NOI e non più come due singoli IO.

Inoltre è una buona scusa per stare insieme, confrontarsi e condividere ciò che spesso si dice distrattamente facendo altre cose. Puoi rendere questo momento ancora più piacevole, scegliendo una location che non sia sempre casa. Magari andate al mare e fermatevi anche a pranzo in un posto carino!

Allo stesso modo, il C.d.A. famigliare, coinvolge e responsabilizza anche i figli. A dirla tutta, obbliga i genitori ad ascoltare un po’ di più e ad aumentare la comprensione, dissolvendo i comuni conflitti genitore/figlio e scoprendo qualità nascoste mai osservate prima.

Ti racconto un episodio che mi ha stupito e divertito enormemente, con la riprova che i figli apprendono maggiormente tramite l’esempio. Una domenica mattina, Deborah mi venne a svegliare invitandomi ad andare in cucina. All’ingresso, c’era un foglio appeso con un pezzetto di nastro adesivo con scritto: “Riunione di Famiglia. Presidente: Alessia. Vicepresidente: Francesca. Partecipanti: Papà e Mamma. Oggetto della riunione: Cuccioli da regalare” [...]

Crea anche tu il C.d.A. di coppia e il C.d.A. famigliare. Scoprirai che, se fatto assieme, anche prendere decisioni difficili può diventare un piacere. Dopo aver costruito il tuo Progetto di Vita, devi trasformarlo in un Progetto di Vita Famigliare. È il momento, infatti, di passare dal Progetto IO al Progetto NOI.


TRATTO DA "LIFE E FAMILY MANAGEMENT" di ALESSANDRO VELLA, SE SEI INTERESSATO AD ACQUISTARE IL TESTO COMPLETO CLICCA QUI: http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=105







Condividi:
25/11/2016

Il tempo è la risorsa più importante che abbiamo.

Il tempo non possiamo acquistarlo, accantonarlo o tornare a riprendercelo; questa risorsa altamente democratica - tutti abbiamo a disposizione 24 ore per giornata - ci mette davanti a una scelta determinante per il nostro successo e la nostra soddisfazione: come investirla?...e, prima ancora, come gestirla per investirla appunto, per sfruttarla, al meglio?

Con il libro, "Time Management. I 18 principi per gestire al meglio il tuo tempo" (che potrai scaricare gratuitamente con iBooks sul tuo Mac o con dispositivo iOS e con iTunes sul tuo computer), in brevissimo tempo già in vetta alla classifica dei libri più scraricati su iTunes nella sezione "Affari e Finanza", scoprirai 18 segreti per organizzare al meglio il tuo tempo, potrei prendere spunti interessante e utili per trarre dalla tua giornata il massimo valore possibile, per trasformare il tempo in un prezioso alleato.


Scarica gratuitamente l'ebook per Iphone
https://itunes.apple.com/it/book/time-management/id1176549856?mt=11

Android
https://play.google.com/store/books/details/Paolo_A_Ruggeri_Time_Management?id=dcl-DQAAQBAJ

Amazon
https://www.amazon.it/dp/B01MXLDQ8J/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1480064505&sr=8-1&keywords=time+management+paolo+ruggeri

e tutte le principali librerie online
Condividi:
Pagina 1 di 51 > | >>Vai a pagina: 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-35-36-37-38-39-40-41-42-43-44-45-46-47-48-49-50-51
Categorie

ARTICOLI