X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
Pagina 1 di 1
26/10/2018

Oggi ho avuto il piacere di partecipare a una riunione di Credit Data Research Italia https://www.cdr-italia.com/ e ho condiviso cinque strategie per il successo personale. 

Credit Data Research ha una grandissima potenzialità di crescita. Bellissima azienda. 

Le slides della mia presentazione sono allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
22/09/2017

Oggi ho avuto l'onore di partecipare come ospite alla convention Ithesia Group a Verona. https://www.ithesiasistemi.it/ 

Si è parlato di cambiamento e dei risultati che si possono ottenere in un gruppo. 

Faccio i complimenti al Dott. Romano Beaco e a tutto il gruppo per i grandi risultati che hanno ottenuto. 

Le slides della mia presentazione sono allegate. 

Paolo Ruggeri 

download slidesDownload delle slides
Condividi:
09/02/2017

E' finalmente disponibile la APP OSM Corsi che include decine di corsi di formazione, da marketing a leadership, vendite, gestione d'impresa, Time Management composti da video pillole di 5-10 minuti ed esercitazioni pratiche

Apple: 

https://itunes.apple.com/it/app/o.s.m.-corsi/id1199889099?mt=8
 

Google Play

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.osm.osmcorsi&hl=it 

Scaricala dal tuo store preferito, è gratuita e prova il corso di Time Management.

Paolo Ruggeri  
Condividi:
05/12/2014

Cosa può determinare la caduta di un leader? Compagni di viaggio non adeguati!

Che dire infatti delle persone che hai provato a gestire considerandoti causa, ragionando in modo win win, diventando una bella persona, ma che ancora non cambiano e che ti rendono la vita difficile?


Beh…la cosa funziona così…o tu riesci ad influenzare loro, oppure loro influenzeranno te. Non c’è alternativa. Devi però sapere anche che ci sono delle persone che non cambieranno mai. E se non sei in grado di riconoscerle, renderanno la tua vita miserabile.


Fai bene attenzione perché quanto ti sto per dire è della massima importanza.


Le persona nocive


Le persone nocive agiscono come quei grandi pini sotto i quali qualsiasi pianta ha difficoltà a crescere e, se anche ci riesce, cresce rachitica o con grandi stenti. L’associazione con questo tipo di persone comporta grandi difficoltà e sicuramente una grande quantità di stress. Ogni volta che ti associ a loro tendi a peggiorare. Tutte le volte in cui nella mia vita mi sono associato con persone del genere, dopo un po’ di tempo, inspiegabilmente, le cose iniziavano ad andarmi male. Io stesso facevo errori stupidi e, più passava il tempo, meno avevo fiducia in me stesso.


Le persone negative

Esistono persone che si concentrano primariamente sui lati negativi di coloro che hanno intorno. Hai mai avuto a che fare con qualcuno che, qualunque cosa tu facessi, ci trovava dei difetti? O che era sempre pronto a indicarti tutto quello che facevi male, senza essere altrettanto pronto a riconoscere tutto ciò che facevi bene? Spesso sono persone che vedono i propri simili come potenziali nemici, piuttosto che come amici. Questo atteggiamento a volte deriva da grandi fregature o sconfitte che hanno subito nel passato oppure dall’essere rimaste a loro volta associate per lungo tempo con una persona negativa. Avere a che fare per molto tempo con una persona del genere è frustrante, perché ti svuota, ti demotiva, ti rende incerto riguardo alle tue vere capacità.


Le persone con uno scarso senso etico


Queste sono persone che spesso o volentieri sono coinvolte in attività non etiche. Tradiscono o rubano o truffano. Le persone con uno scarso senso etico sono pessimi compagni di viaggio. Proprio perché tradiscono il coniuge o mentono, stai pur tranquillo che prima o poi mentiranno anche a te. Ma il fatto che mentiranno anche a te è il meno. Alla lunga, continuando a frequentarle, tu stesso sperimenterai un peggioramento del tuo senso etico e la tua vita comincerà ad ingarbugliarsi.


Le persone che non si mettono in discussione


Mettersi costantemente in discussione è una grande caratteristica della persona di successo. Con il mondo che cambia velocemente, con l’azienda che cresce, la capacità di correggere se stessi è fondamentale. Stai attento a chi non lo fa, perché prima o poi, avendo a che fare con loro, la loro riluttanza a mettersi in discussione ti farà pensare “che forse il problema sei tu”. E quando arrivi a pensare quello, ti devasteranno.


Le persone che non credono in te


Per avere successo devi avere vicino degli amici che credono in te. Le persone che non credono in te non sono buoni amici, perché metteranno in luce tutte le tue lacune e le amplificheranno. Circondati di persone capaci e che credano in te.


Quando hai a che fare con persone delle 5 tipologie che ti ho appena descritto, attiva l’anti virus e fai molta attenzione! Se dovessi avere persone nel tuo ambiente con le caratteristiche di cui sopra devi intraprendere rapidamente delle azioni correttive. Altrimenti, così come il computer che, infettato da un virus, inizia a mandare e-mail infette a tutta la lista di indirizzi, comincerai a tua volta a utilizzare quelle stesse caratteristiche con le persone che interagiscono con te.


Non aggredirle, non andarci in scontro, non elencare tutti i difetti che hanno, rimani una bella persona. Prova a metterti in discussione tu, prova a cambiare il tuo atteggiamento. Guarda sinceramente se c’è qualcosa che stai facendo tu che non è ottimale nei loro confronti. Poi prova a influenzarle facendo leva sui loro lati positivi. Se non le influenzi, sai già come andrà a finire, tu stesso regredirai e tornerai a commettere le stesse azioni negative che abbiamo gestito durante la quinta regola.


Dopo aver provato un certo numero di volte, se vedi che non c’è stato nessun miglioramento o nessun miglioramento apprezzabile, devi sapere che se continui a frequentarle assiduamente te ne tornerai nell’invisibilità, ma non solo.


Frequentando le persone nocive si arriva un po’ alla volta a credere che tutta l’umanità sia composta di persone simili. Non è vero. Là fuori ci sono anche tante persone positive che sono contente se hai successo, che vogliono aiutare gli altri e che cercano di mettere in luce il bello e il positivo, piuttosto che il tetro e il cupo.


I compagni che scegli determineranno il tuo destino. Se vuoi volare con le aquile, devi smetterla di frequentare i tacchini, e soprattutto… i cacciatori.


Associati con persone positive!!!


Paolo Ruggeri

Tratto da "Le 10 regole del successo". Se sei interessato puoi acquistare la tua copia direttamente all'indirizzo http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=50


Condividi:
26/11/2013

...COME PRIMA COSA DEVI CAMBIARE TU!

L’ho gia' detto tante volte ma, alla fine, cosi' come nella vendita se non si vende il problema e' quasi sempre una difficolta' del venditore ad instaurare un buon rapporto interpersonale,
anche nella gestione manageriale dell’impresa ci sono dei fondamenti che vengono prima di tutto e quando le cose non vanno alla grande, li' si va a parare…

Se l’azienda non va bene e' perche' tu hai smesso di essere in forma. Hai perso il contatto con la persona che eri. Ti e' accaduto perche' un po’ per volta hai lasciato passare alcune cose o situazioni che sai non avresti dovuto accettare. Tendi a pensare che il problema sia il mercato, l’azienda o le persone al suo interno ma dentro di te lo sai che non e' questo
il problema. Il problema e' che tu sei cambiato e fino a che non ritorni te stesso, il vero te stesso, l’azienda non si riprendera'.

Esci dall’economia virtuale. Smetti di dar retta alla televisione, ai giornali e alle giustificazioni dei tuoi colleghi sottoperformanti. Tu sei fatto di una pasta diversa. Occupati delle cause interne. Giustificare e' da perdenti e tu non sei uno di loro.

Paolo Ruggeri

Tratto dal mio libro "PMI che battono la crisi". Richiedilo subito all'indirizzo
http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=49

imgg
Condividi:
16/09/2013

Un giorno l’asino di un contadino cadde in un pozzo. Non si era fatto male, ma non poteva piu' uscire. Il povero animale continuo' a ragliare sonoramente per ore. Il contadino era straziato dai lamenti dell’asino, voleva salvarlo e cerco' in tutti i modi di tirarlo fuori ma dopo inutili tentativi, si rassegno' e prese una decisione crudele. Poiche' l’asino era ormai molto vecchio e non serviva piu' a nulla e poiche' il pozzo era ormai secco e in qualche modo bisognava chiuderlo, chiese aiuto agli altri contadini del villaggio per ricoprire di terra il pozzo. Il povero asino imprigionato, al rumore delle palate e alle zolle di terra che gli piovevano dal cielo capi' le intenzioni degli esseri umani e scoppio' in un pianto irrefrenabile. imgg Poi, con gran sorpresa di tutti, dopo un certo numero di palate di terra, l’asino rimase quieto. Passo' del tempo, nessuno aveva il coraggio di guardare nel pozzo mentre continuavano a gettare la terra. Finalmente il contadino guardo' nel pozzo e rimase sorpreso per quello che vide, L’asino si scrollava dalla groppa ogni palata di terra che gli buttavano addosso, e ci saliva sopra. Man mano che i contadini gettavano le zolle di terra, saliva sempre di piu' e si avvicinava al bordo del pozzo. Zolla dopo zolla, gradino dopo gradino l’asino riusci' ad uscire dal pozzo con un balzo e comincio' a trottare felice. Quando la vita ci affonda in pozzi neri e profondi, il segreto per uscire piu' forti dal pozzo e' scuoterci la terra di dosso e fare un passo verso l’alto. Ognuno dei nostri problemi si trasformera' in un gradino che ci condurra' verso l’uscita. Anche nei momenti piu' duri e tristi possiamo risollevarci lasciando alle nostre spalle i problemi piu' grandi, anche se nessuno ci da una mano per aiutarci. Quando affrontiamo i problemi la paura diventa entusiasmo.

Paolo Ruggeri

Condividi:
23/07/2013

Il talento, la capacita' e la motivazione del personale costituiscono dei beni di grande valore per ogni imprenditore. Tutti noi sappiamo bene quanto l’avere la persona giusta o sbagliata in una funzione chiave possa determinare il successo o le difficolta' della nostra impresa. Č lavorando per ottenere un miglioramento della qualita', della produttivita' e delle prestazioni delle persone che compongono la nostra azienda che saremo in grado di ottenere un incremento degli utili.

TUTTO COMINCIA DA NOI

Un’impresa puo' essere paragonata ad un processo composto da diversi fasi. La prima funzione del processo e' indubbiamente la Direzione Generale che determina la direzione dell’intera azienda. La seconda e' la Gestione del Personale. Senza le persone, i piani rimangono sulla carta e, se si hanno le persone sbagliate, i piani vanno male. Via via seguono tutte le altre funzioni quali il marketing, la finanza... Direzione Generale e Personale, quali funzioni iniziali di tutto il processo, possono determinare il 60% o anche di piu' del successo di un’impresa. Se da una parte e' vitale avere le persone giuste, e' altresi' importante che la Direzione Generale o l’imprenditore dirigano l’azienda e le persone nel modo corretto. La Direzione Generale, infatti, potrebbe essere definita come la SORGENTE dell’intera azienda. Input sbagliati o confusionari forniti al personale possono determinare passi falsi e importanti perdite di produttivita'.

SE VUOI CHE LE TUE PERSONE CAMBINO, PER PRIMA COSA DEVI CAMBIARE TU

Se non siamo soddisfatti delle prestazioni di un determinato collaboratore e continuiamo a provare rancore o ad essere critici nei suoi confronti senza prima
analizzare noi stessi, non solo non riusciremo ad ottenere un miglioramento ma, ben presto, troveremo altre cose attorno a noi che non riusciremo ad influenzare. Stiamo percorrendo la strada sbagliata. Se vogliamo ottenere dei miglioramenti dobbiamo prima di tutto concentrarci su noi stessi per capire quali possano essere le nostre aree di miglioramento. Avendo acquisito questo modo di pensare avremo il primo ingrediente per avviare il miglioramento all’inizio dell’Organizzazione Orizzontale.

Esiste un modo “causativo” di pensare:
FRASE DA EFFETTO: Le sue prestazioni continuano a deludermi
FRASE DA CAUSA: Non ho fatto ancora niente per aiutarlo a migliorare

Per avviare un programma di miglioramento delle risorse umane, due sono le attivita' da mettere in campo: la prima e' smettere di incolpare le circostanze esterne.

...e la seconda?

Tratto dal mio nuovo libro "Il nuovo capitale: Intellettuale, intangibile, indispensabile". Richiedilo subito su
http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=60
Condividi:
19/07/2013

Ogni anno chiediamo ad alcuni degli imprenditori italiani le cui aziende hanno performato particolarmente bene nel corso degli ultimi 12 mesi, di riunirsi e condividere con gli altri imprenditori le loro azioni vincenti, che cosa ha scatenato la crescita delle loro imprese. Ci confrontiamo inoltre sulle ricette e gli spunti per l'anno entrante cosi' da mettere a punto la migliore delle strategie. Ecco quali sono secondo gli imprenditori le azioni vincenti che li hanno portati a far crescere le loro imprese


1) CREARE UN’AZIENDA ARMONICA AD OGNI COSTO 45% Questo significa che in azienda, soprattutto al vertice, non ci deve essere uno scontro di valori o inciuci vari. Ci deve essere armonia, accordo sui valori ed entusiasmo. Se a questa armonia viene aggiunto l'entusiasmo che deriva dal motivare e coinvolgere i principali responsabili in un progetto aziendale, l'azienda prende il volo. Quando invece il titolare dell'azienda scende a compromessi con tutta una serie di resistenze ed opposizioni, l'azienda perde armonia e inizia a contrarsi o perdere terreno. La stessa cosa puo' dirsi anche delle aziende dove il titolare gestisce con autorita' e dove non c'e' coinvolgimento emotivo dei responsabili dell'azienda verso una meta condivisa.

2) AUMENTARE LE VISITE E LA PROMOZIONE AI CLIENTI (27%) Indubbiamente una delle cose che maggiormente puo' mettere in moto la crescita aziendale e' il titolare dell'azienda che invece che rimanere chiuso tra quattro mura RIPRENDE a visitare i clienti. Sono numerosi gli imprenditori che dicono che cio' che maggiormente li ha aiutati a superare la crisi e' stato il fatto di tornare loro in prima persona a visitare clienti. Cio' non solo ha creato opportunita' commerciali ma ha anche fornito loro una serie di spunti ed idee per innovare e occupare nuove nicchie. A questo numerosi imprenditori in crescita aggiungono il fatto di aumentare in modo massiccio la comunicazione verso la clientela inattiva e potenziale (mailing, eventi, newsletter, internet, ecc).

3) LAVORARE SU ME STESSO (12%) Se vuoi che le cose cambino, come prima cosa devi cambiare tu. La crescita personale dell'imprenditore spesso porta anche alla crescita dell'impresa. Ma attenzione anche al punto 1) di cui sopra: se continui a studiare tu ma non affronti gli inciuci all'interno dell'impresa, starai certamente meglio ma probabilmente fatturati ed utili non decolleranno.

4) MIGLIORARE L’ESPERIENZA PER I CLIENTI (12%) Numerosi imprenditori sostengono che il fatto di creare un'esperienza migliore per i clienti ha contribuito ad aumentare le vendite, la fidelizzazione ed i fatturati.

Paolo Ruggeri 

Condividi:
18/04/2013

"Upside down" ovvero "al contrario"...si perche' spesso e' cosi' che dobbiamo pensare se vogliamo creare prosperita' intorno a noi. Spesso bisogna pensare in modo controintuitivo... Hai pochi clienti? Devi avere il coraggio di "sprecare" anche quei pochi che hai.

Ai miei venditori faccio fare questo esercizio una volta a settimana...sprecare un cliente. Se hai il bisogno di non perdere un cliente e ti aggrappi a lui diventerai succube di quel cliente e dovrai sottostare al suo volere. Se in testa hai la "scarsita'" non potrai generare ricchezza per te e per la tua azienda. Se hai la possibilita' di "sprecare" allora in testa hai l'abbondanza. Vedi...esistono due universi, uno mentale e uno materiale.

Tutte le cose vengono create 2 volte, una volta nella nostra testa, la seconda nella realta'. Perche' una cosa si materializzi nell' universo materiale e' necessario che sia ben chiara nel tuo universo mentale. Le comunicazioni dell'ambiente non devono influenzare il nostro universo mentale.

La crisi esiste? si, ma se ci facciamo condizionare dalle cattive notizie sui giornali come possiamo sperare di far crescere la nostra impresa? Ho da poco avviato un' attivita' in America. Sono sicuro che andra' alla grande. Nel mio universo mentale questa idea si e' affermata. E' solida.

Forse non succedera' oggi e neanche domani. Anzi. domani molto probabilmente avro' le rotture di scatole, le tasse da pagare, l'avvocato che chiama... ma prima o poi questa "idea" si affermera' anche nell'universo materiale.

Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
08/01/2013

Qual e' il capitale piu' importante della tua azienda? Sei tu!

...E allora qual e' l'investimento piu' redditizio per far crescere la tua impresa ?

L'investimento su te stesso. Sul tuo miglioramento personale. Viviamo in un'era economica definita "l'economia della conoscenza". Giancarlo Broggian, presidente di CGN, uno dei CAF piu' importanti d'Italia, e' solito dire: "Conoscenza e consapevolezza nel tempo si trasformano. Diventano denaro". L'azienda e' lo specchio dell' imprenditore. Se sei una persona disorganizzata o ansiosa come saranno le persone della tua azienda? Altrettanto disorganizzate e ansiose. ...qual e' il tuo compito allora? Segui un programma per migliorare te stesso.

Ogni giorno frequento imprenditori. Tanti di loro si lamentano della crisi, della mancanza di risultati, poi scopro che non hanno mai letto un libro di miglioramento personale o partecipato ad un corso di formazione. Leggi, studia, segui corsi e assisti a convegni, frequenta persone che possano ispirarti e motivarti. Preserva il capitale piu' importante della tua azienda.

Paolo Ruggeri

Condividi:
Pagina 1 di 1Vai a pagina: 1
Categorie