X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
<< | < Pagina 21 di 55 > | >>
11/02/2013

E' ora disponibile online "CHE IMPRESA!"

Cos'e' "Che impresa!"?

"CHE IMPRESA!" e' una raccolta di consigli facili da mettere in pratica, un aiuto concreto per risolvere i problemi della tua azienda. All' interno di "CHE IMPRESA!" trovi 7 ore di azioni vincenti di alcuni tra i migliori imprenditori delle PMI italiane.

In un solo cd, da ascoltare in macchina o durante i tuoi spostamenti, Paolo Ruggeri, Flavio Cabrini, Roberto Gorini e tanti altri imprenditori ti offrono ottimi spunti per:

-risolvere problemi concreti della tua azienda,
-aumentare le tue competenze
-trovare intuizioni decisive per vincere nel tuo settore

Acquistalo subito http://www.paoloruggeri.it/shop.asp?idp=58
Condividi:
07/02/2013

Negli ultimi giorni, in viaggio per il mondo, mi sono accorto di alcune aziende che hanno ottenuto successo sfruttando un approccio diverso dalle altre, un nuovo paradigma:

Hemfrid è una società di pulizie svedese http://www.hemfrid.se/Om-Hemfrid/In-english/ che ha avuto la brillante idea di contattare le imprese perché comprino come benefit per i loro dipendenti i servizi di pulizia delle loro case. Ha 1300 collaboratori.

Christmas Decor http://christmasdecor.net/cdi2/  è una società americana che durante le festività natalizie decora in modo professionale le case delle persone. L'idea inovativa sta nel fatto che hanno venduto le franchise di questo concetto alle aziende di giardinaggio che generalmente d'inverno tendono a rimanere ferme o devono lasciare a casa il personale.


Se non stai ottenendo successo economico forse il paradigma con cui guardi il tuo business non è più quello giusto.

Paolo Ruggeri


Condividi:
05/02/2013

-Vorrei che per un attimo tu pensassi ad una “bella persona”. Non parlo di bella fisicamente. Parlo di qualcuno che quando lo incontri dici: “questa e' proprio una bella persona”. Una persona che ti mette a tuo agio, che ti fa sentire bene, buona, positiva, che crede nei valori che sostiene, una persona della quale puoi avere fiducia. È importante che tu lo faccia. Perche', vedi, il successo richiede che tu diventi come lei. Se non lo fai, il successo, cosi' come il denaro, se ne staranno alla larga da te-

Quali sono le le 9 caratteristiche che contraddistinguono una "bella persona"?

Clicca su download delle slides per leggere l'articolo

Paolo Ruggeri


download slidesDownload delle slides
Condividi:
03/02/2013

Per qualche giorno tutti i miei ebook saranno in promozione su Itunes.

Approfittane subito!

- "Le 10 regole del successo" ti da una gran carica e ti indica le 10 regole d'oro per ottenere il successo e realizzare i tuoi sogni.

- "I nuovi condottieri" ti aiuta ad aumentare la tua leadership, gestire al meglio i tuoi uomini e costruire una 1' linea di manager efficaci e responsabili.

- "Piccole e Medie Imprese che battono la crisi" un libro che ti fornisce idee e azioni concrete e semplici da mettere in pratica per gestire al meglio l'azienda e aumentare il fatturato.

- "L'etica dell'eccellenza" ti spiega i valori dell'etica e come qualsiasi azione scorretta abbia il potere di influenzarci negativamente

Acquistali subito!

Paolo Ruggeri
Condividi:
02/02/2013

Se vuoi aumentare il fatturato, ti servono le persone giuste

Paolo Ruggeri

Condividi:
30/01/2013

Ieri e' apparsa su "Il mostardino" questa mia intervista.

Si e' parlato del mio progetto per portare l'etica in politica, ma anche degli scenari economici che dobbiamo aspettarci per questo 2013 e delle prospettive per i giovani che si affacciano nel mondo del lavoro.

Per leggere l'intervista completa clicca sul link

http://www.ilmostardino.it/2013/01/29/intervista-esclusiva-a-paolo-ruggeri-limprenditore-che-insegna-letica-ai-politici/
Condividi:
25/01/2013

Riparte il gioco Mbs...ma quest'anno cambiano le regole

Non esistera' piu' una classifica nazionale, ma solo una locale per macroaree ( ci sara' una classifica per l'Mbs di Bologna, una per quella di Milano e una per quella della Sicilia)

Ogni mese premieremo le 5 migliori aziende, ovvero quelle con maggior incremento di fatturato rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. A queste aziende verranno assegnati dei punti come nel moto GP (5 punti al primo, 4 al secondo, 3 al terzo, e cosi' via). Non vi sara' piu' alcuna distinzione tra aziende senior e aziende junior. Inoltre, per premiare il buon lavoro svolto in classe verranno premiati solo gli imprenditori delle aziende effettivamente presenti in aula.

Ed ecco il cambiamento piu' importante: il vincitore del gioco verra' eletto ogni 3 mesi, dopo i quali il gioco ripartira' da zero.


Ecco la classifica di Gennaio dell'mbs di Bologna:

5. Studio Massaiu, studio dentistico, +19,4%
4. Studio Capanni, studio dentistico, +36,4%
3. Ediliziacrobatica, settore edile, +44,7%
2. Incrementha, consulenza per centri estetici, +64,2%
1. Seven Srl, settore edile, +240,4%


....come vedi battere la crisi e' possibile

Paolo Ruggeri
Condividi:
24/01/2013

Ieri all'mbs di Bologna Alessandro Carrafiello, imprenditore nel campo della salute di Reggio Emilia e Giuseppe Langellotti, titolare della Lg3000, hanno tenuto un intervento su un tema comune: l'importanza delle alleanze.

Crescono le reti, le persone vogliono sentirsi parte di qualcosa grande...non e' piu' possibile lavorare da soli! Creati una rete di alleanze, sara' questa ad aiutarti a far crescere la tua impresa ma anche a supportarti nei momenti difficili.

Viviamo in un momento storico nel quale le alleanze e le relazioni acquisiscono un valore strategico sempre piu' importante. Gli imprenditori spesso, erroneamente, sono i primi a non volersi impegnare ritenendola una perdita di tempo. Ma ricorda: il tempo speso per creare o rafforzare una relazione prima o poi ti tornera' indietro anche sotto forma di denaro.

Con chi dovresti intrecciare relazioni? Clienti, fornitori ma anche "concorrenti". Potrebbe essere molto utile infatti condividere il vostro know-how o il database dei vostri clienti.

Un esempio di successo secondo Alessandro? Gli Apple Store. Una sala dedicata alla vendita dei prodotti ed una, solo ed esclusivamente, alla relazione con i clienti

...come dice Giuseppe "e' la somma che fa la differenza"

ecco le loro presentazioni


LA PRESENTAZIONE DI ALESSANDRO CARRAFIELLO

LA PRESENTAZIONE DI GIUSEPPE LANGELLOTTI

Paolo Ruggeri
Condividi:
24/01/2013

L'anno 2013 è partito alla grande per la nostra Business School MBS.

La prima sessione del 2013 ha affrontato da vari punti di vista il concetto della Costruzione di una Rete di Alleanze: come lo stanno facendo gli imprenditori che sconfiggono la crisi e quali sono i loro consigli. 

A parte gli interventi di Alessandro Carrafiello e di Giuseppe Langellotti ( CLICCA QUI PER VISUALIZZARLE) , io ho descritto come si costruisce un gruppo coeso. La prima alleanza, infatti, dovrebbe essere quella che l'imprenditore crea con i collaboratori della propria impresa. Collaboratori e non "scollaboratori", nel senso che, come abbiamo visto durante l'intervento quando hai le persone sbagliate in azienda tendi ad "incartarti" e a non sentirti più all'altezza. (vedi slide per questa parte molto importante)

Diversi imprenditori hanno poi fornito la loro testimonianza circa le azioni vincenti che hanno permesso loro di crescere anche tra la fine del 2012 e l'inizio del 2013:

- Ilaria e Giuditta Bruni della Bruni Sport che hanno concluso una stagione natalizia in deciso incremento rispetto all'anno precedente sostengono che il fatto di cambiare personalmente, di inserire persone di qualità nell'organico, unite alle giuste promozioni può fare una grande differenza anche in un settore difficile come quello dell'abbigliamento sportivo.

- La Dott.ssa Capanni dello Studio Dentistico Capanni di Reggiolo, che è riuscita a crescere a due cifre nonostante il paese dove opera fosse stato colpito dal terremoto, ha spiegato "riprendere lo spirito originale e l'empatia verso i clienti" l'ha aiutata ad ottenere comunque un incremento delle vendite anche in una situazione oggettivamente complicata.

- Riccardo Iovino di Edilizia Acrobatica di Genova, un'impresa edile unica e che cresce da anni a due cifre percentuali ci ha spiegato come l'unicità, il valore e lo sviluppo del potenziale umano permettono alla sua impresa edile di continuare a crescere. Anzi quest'anno ha anche in programma di aprire uffici nuovi a Roma e a Firenze.

- Anche Giacomo Usubelli di Seven Srl ha fornito la sua testimonianza spiegando come la sua società di costruzione usando i sondaggi e fornendo vero valore al mercato sia riuscita nel corso del 2012 a vendere tutti gli immobili in costruzione, prima di arrivare al tetto. 

Nel complesso le aziende che hanno i fatturati in incremento prendendo parte alla business school MBS vengono dai settori più disparati e testimoniano che, un diverso atteggiamento dell'imprenditore, può portare anche a risultati completamente diversi sul mercato. 

Le slide del mio intervento sono allegate. La prossima sessione della MBS si terrà a Bologna nei giorni 26 e 27 Febbraio e affronterà il tema: COME AUMENTARE LE VENDITE NEL PRESENTE MERCATO.

Paolo Ruggeri




download slidesDownload delle slides
Condividi:
22/01/2013

Ho messo a disposizione su Itunes Store un ebook gratuito dal titolo "Motivazione e produttivita'"

-Il Mercato Cambia? Ecco Come Cambia Un'Azienda.
In questo ebook ci dedicheremo all’analisi di alcune azioni vincenti di PMI Italiane che negli anni passati sono cresciute in modo vorticoso.Quali sono le strategie che le accomunano e come fare a replicarle per far crescere la nostra impresa?-

Scaricalo subito su Itunes Store!
https://itunes.apple.com/it/book/motivazione-e-produttivita/id594844054

Paolo Ruggeri
Condividi:
20/01/2013

Il cambiamento è possibile. Dopo la spedizione dell'Etica dell'Eccellenza a tutti i deputati e senatori e a tutti i consiglieri regionali della Lombardia, le liste pulite sono diventate uno degli argomenti principi della campagna elettorale... (guarda l'immagine che è uno stampata di Google News di oggi e coinvolge tutti i partiti).

Non è molto ma è un passo nella giusta direzione. E ancora siamo solo agli inizi. Quando, in modo disinteressato, ti metti in testa di cambiare le cose, i miracoli possono accadere.

Passa parola. Vogliamo politici con un alto senso dell'etica.

Per maggiori informazioni sulla campagna: http://www.engageeditore.com/campagne-sociali.html  

Sono convinto che dopo che avremo spedito il libro di Etica anche a tutti i consiglieri regionali e provinciali del nostro Paese, a tutti i Sindaci e a tutti i dirigenti dei Ministeri, con un po' di lavoro riusciremo a far sì che l'etica diventi quello che deve essere per chi amministra la Cosa Pubblica: un argomente che deve essere dato per scontato.

Se vuoi sostenerci passa parola o scrivi a info@paoloruggeri.it  

Paolo Ruggeri
Condividi:
19/01/2013

Ieri ho tenuto, assieme a Patrizio Cappella e Carlo Bisol, la presentazione sulle PMI che battono la crisi a Unindustria Treviso. 

Oggi, assieme all'amico Antonio Coeli di CGN ho replicato in terra di confine, all'Associazione Industriali di Gorizia. 

In questi due giorni ho avuto modo di incontrare tanti imprenditori tonici che sono consci della situazione di mercato ma che stanno mettendo in atto numerose contromosse e strategie per vincere e far crescere l'impresa, dallo svilupparsi sui mercati esteri, all'abbracciare il marketing, al re inventare il prodotto. 

L'immagine che più mi rimane impressa di queste due presentazioni è proprio questa: ci sono tanti imprenditori tonici che si stanno ingegnando per trovare soluzioni invece che farsi sconfiggere dal pessimismo: dall'imprenditore che ha brevettato un nuovo modo di fare la pizza e si prepara a lanciarlo nel mondo, all'imprenditore che produceva sedie in legno e, vedendo il settore in difficoltà, si è messo a produrre occhiali in legno, ottenendo un successo inimmaginabile, all'imprenditore edile che lancia una cantina ed esporta con successo il prosecco in tutti gli Stati Uniti... il Nord Est, quello sano, è una fucina di imprenditori che non si arrendono. 

E alla fine prevarranno. 

Un sentito ringraziamento a Carlo Bisol, Patrizio Cappella, Antonio Coeli, Davide Devidé, Giorgio Bressan , Carlo Ranalletta, Ivan Zorzetto per l'assistenza e l'aiuto. Esco da queste due giornate tonico come non mai. 

Gli imprenditori italiani ci sono. Come sempre. 

Le slide sono allegate. 

Paolo Ruggeri   



download slidesDownload delle slides
Condividi:
18/01/2013

...si fa presto a dire "motivazione del personale" Mettiamo da parte i metodi tradizionali per una volta. Oggi ti suggeriro' qualche metodo alternativo per motivare i tuoi collaboratori. E' vero...alcune di queste possono sembrare delle stupidaggini ma ti assicuro che favoriranno il team building.

Contrariamente a quanto si possa pensare lavoro e divertimento possono e devono coesistere. -Organizzate degli incontri fuori sede. Organizzate un picnic o una giornata al cinema. -Predisponi in azienda uno spazio relax per i tuoi dipendenti. Google, una delle aziende piu' famose al mondo, in questo ha tracciato il sentiero. Secondo Larry Page e Sergey Brinil, i fondatori della societa' un ambiente divertente incoraggia la creativita'. Nella sede principale di Google e' presente una vera e propria sala giochi e un campo da beach volley.

Ora non ti chiedero' di arrivare a questo, ma un angolo dell'ufficio dove ritrovarsi per prendere un caffe' e' gia' un inizio. - Un ambiente confortevole aiuta la produttivita',coinvolgi le persone nell' arredamento dell'ufficio, deve diventare per loro una seconda casa. - Organizza un "gioco" in azienda che premi il miglior venditore o il migliore impiegato.

Il premio non deve essere necessariamente economico. Il solo fatto di essere in concorrenza stimola una sana competizione. Potete introdurre anche dei premi simpatici: il piu' disordinato, il piu' ritardatario. Tutto questo rende piu' gioviale e rilassato il clima in azienda. Un clima disteso fara' uscire le idee brillanti, al contrario un clima troppo serioso tendera' a reprimerle.

La motivazione del personale e' uno dei principali fattori di successo degli imprenditori delle Pmi per battere la crisi ...eccomi con i miei ragazzi!

Paolo Ruggeri


Condividi:
15/01/2013

il 24 e 25 febbraio ci saranno le prossime elezioni...hai gia' pensato chi votare?

In questa newsletter speciale, dedicata al tema dell'etica, ti illustrero' il mio progetto per portare finalmente dei valori positivi nel mondo della politica.

Senza suggerire alcun orientamento politico ti spieghero' chi dovresti votare alle prossime elezioni,o meglio, chi non dovresti votare...tutti quei partiti che hanno al loro interno persone indagate, arrestate o dai comportamenti poco etici.

A 3 categorie appartengono i dirigenti di questi partiti: ladri, collusi o fessi.

...e tu voterai per una di queste categorie? o farai una scelta etica?

Clicca su "download delle slide" per leggere la newsletter

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
08/01/2013

Qual e' il capitale piu' importante della tua azienda? Sei tu!

...E allora qual e' l'investimento piu' redditizio per far crescere la tua impresa ?

L'investimento su te stesso. Sul tuo miglioramento personale. Viviamo in un'era economica definita "l'economia della conoscenza". Giancarlo Broggian, presidente di CGN, uno dei CAF piu' importanti d'Italia, e' solito dire: "Conoscenza e consapevolezza nel tempo si trasformano. Diventano denaro". L'azienda e' lo specchio dell' imprenditore. Se sei una persona disorganizzata o ansiosa come saranno le persone della tua azienda? Altrettanto disorganizzate e ansiose. ...qual e' il tuo compito allora? Segui un programma per migliorare te stesso.

Ogni giorno frequento imprenditori. Tanti di loro si lamentano della crisi, della mancanza di risultati, poi scopro che non hanno mai letto un libro di miglioramento personale o partecipato ad un corso di formazione. Leggi, studia, segui corsi e assisti a convegni, frequenta persone che possano ispirarti e motivarti. Preserva il capitale piu' importante della tua azienda.

Paolo Ruggeri

Condividi:
07/01/2013

Steve Jobs giovane parla di come l'inserimento di una persona sbagliata ha distrutto anche quello che era potenzialmente uno dei migliori imprenditori del mondo.

Paolo Ruggeri
Condividi:
04/01/2013

L'amico e socio Flavio Cabrini (www.flaviocabrini.it) ha pubblicato un articolo sulla rivista"Vendere di piu'".

Quali sono le "regole d'oro" per costruire e gestire una rete vendita efficiente? Flavio ci ha spiegato: "Il presupposto e' che un buon direttore vendite si prende cura dei venditori e dell’azienda. Un direttore vendite orientato, invece, solo verso il proprio ruolo manca della visione d’insieme, e non riesce a concepire l’idea che il benessere di tutti richiede di tener conto dell’interesse dei venditori e dell’azienda".

1. Il venditore e' desideroso di fare del proprio meglio e lo fara', fino a quando non viene demotivato in merito. “Se operi sui lati positivi di una persona, questi tendono ad aumentare. Se operi sui lati negativi di una persona, questi tendono ad aumentare”. Occorre far emergere i lati positivi, sottolineandoli di piu' rispetto ai lati negativi che vogliamo correggere.

2. La maggior parte delle lamentele non si basano sulla cattiva condotta, ma sui malintesi. Succede che i venditori non sanno come risolvere alcune situazioni. Non sanno come affrontare alcune barriere che i clienti presentano. Tutto questo si palesa con risultati scarsi o non sufficienti. Nella maggior parte dei casi questi scarsi risultati vengono imputati a negligenza o dolo del venditore, quando invece le cause appartengono a tre grandi categorie: a. una cattiva comprensione delle cose che dovevano essere fatte o come dovevano essere fatte; b. mancanza di strumenti adatti a risolvere le difficolta' incontrate ; c. mancanza di assistenza, ovvero tendenza ad abbandonare il venditore a se stesso.

3. Solamente il contatto personale puo' ripristinare la comprensione. Non comunicate solo tramite mail o telefono. Incontrali personalmente,valli a trovare, verifica di persona come operano sul campo. Frequentare i tuoi uomini non ti fara' perdere leadership, al contrario la rafforzera'.

4. Raramente si pone rimedio a critiche o espressioni di collera scritte scrivendo ulteriormente. Non causare fratture con mail o comunicazioni scritte piene di astio....e se devi risolvere fallo di persona.

5. Non lasciate che un errore individuato si trascinati. Occupatevene e correggetelo quando lo trovate. Non aspettare la prossima riunione per comunicare ad un tuo venditore che c'e' qualcosa che non va. Se hai individuato un problema affrontalo e correggilo immediatamente.

6. Non accumulate punti a sfavore di un venditore prima di agire. Dimenticate i vecchi "punti a sfavore" prima di agire. Pregiudizi,brutto carattere, scontrosita' sono nemici della motivazione dei venditori. Se hai avuto delle vicende negative con uno di loro affrontale, risolvile e poi dimenticale.

7. Un venditore ha la sua versione dei fatti. Svolgendo la mansione e' lui quello che ha piu' dati. Ascoltalo e poni domande. Non imporre le tue idee senza aver ascoltato le idee del venditore. Il paradosso delle comunicazione e' l'ascolto. La comunicazione e' creata, pensata e realizzata per chi ascolta, non per chi parla.

8. Il solo capitale che una manager abbia a disposizione e' la buona volonta' di coloro che collaborano con lui. Preservala. Non potrai mai influenzare qualcuno con cui non hai buoni rapporti. Ascolta ed interessati sinceramente ai tuoi uomini. Questo contribuira' alla tua e alla loro crescita personale e professionale. Ogni singola azione mirata ad aumentare la volonta' dei tuoi collaboratori arricchisce l'azienda.

Far crescere l'impresa significa far crescere le persone al suo interno.

Paolo Ruggeri


Condividi:
01/01/2013

A Novembre 2011, postavo questo articolo che illustrava quello che mi aspettavo nel corso del 2012. L'articolo metteva in guardia le imprese che l'anno entrante sarebbe stato molto difficile: irrigidimento del credito, crisi economica, molte aziende che sarebbero entrate in pesante difficoltà ed addirittura non ce l'avrebbero fatta. Esortavo gli imprenditori a fare budget sensati e con i piedi per terra.

A distanza di oltre 13 mesi, e fermo restando che io non faccio l'indovino ma baso le mie previsioni su ciò che mi dicono i tanti imprenditori che frequento, si può notare come la maggior parte di tali previsioni economiche per il 2012 fossero azzeccate.

E ciò mi porta a parlare dell'anno 2013 che nonostante cominci sotto tono, sarà in realtà l'anno della ripresa e della svolta. Questo non vuol dire che si tornerà ai livelli del 2007 o che le aziende decotte, con enormi problemi di cash flow e con prodotti "commodity", di colpo troveranno le banche che faranno loro credito e si risolleveranno. Per aziende di quel tipo non servono previsioni: sono morte dentro, a meno che gli imprenditori che le gestiscono non abbiano un guizzo ed affrontino coraggiosamente i duri cambiamenti che servono per salvarsi.

La ripresa molto probabilmente non verrà dalle azioni messe in campo dal governo, vecchio o nuovo, almeno fino a quando la politica italiana non si deciderà ad affrontare il suo vero problema che è quello etico: un livello etico personale medio del politico italiano troppo basso e troppi partiti che accettano al loro interno collusi, malversatori, indagati e condannati (effettivamente, su questo punto ognuno di noi quest'anno può fare qualcosa rifiutandosi di votare per qualsiasi partito politico che accetti al suo interno persone condannate per qualsiasi reato, indagate o di scarsi valori morali).

Fermo restando che la liquidità rimane quella che è, ho trovato numerosi imprenditori che, dopo aver risanato le loro imprese nel 2012, per il 2013 hanno preparato piani importanti di investimento e di sviluppo. Anche se l'anno comincierà lentamente, tutti questi investimenti e questi progetti di sviluppo mi aspetto causeranno una ripresa.

La ripresa coinvolgerà principalmente le aziende ed i prodotti che avranno saputo leggere il mercato che oggi come non mai vuole "veri affari" ed "valore per il denaro". Importante sarà il fatto di aver catturato le tendenze, le necessità e le richieste effettive dei propri clienti così come molto importante sarà la strategia dell'azienda per quel che riguarda le risorse umane.

Su quest'ultimo punto sento il bisogno di soffermarmi: abbiamo tagliato i costi, abbiamo ridotto le inefficienze, abbiamo migliorato i prodotti e abbiamo aggiunto valore, cos'altro ci rimane per portare le nostre aziende a crescere? Le risorse umane. Dopo che hai tolto tutte le inefficienze in azienda, ti devi rendere conto che in questa nuova era economica "è il capitale umano a determinare il capitale economico". Le aziende che capiranno che in ultima analisi sono le persone (e aggiungo le persone di qualità) che determinano il successo di un'impresa, riusciranno a realizzarsi e troveranno ampi spazi di crescita. Le altre continueranno a lottare in difesa per sopravvivere con scarsa liquidità e scarsi utili.

Grandi persone in azienda = Grandi margini e grandi opportunità. Nel 2013 vedremo questa equazione pesantemente al lavoro. "Grandi persone" non vuol dire persone ipertutelate e sovra pagate. In tutto il mondo quella che è chiamata "attendance based compensation" (cioè compensi basati sulla presenza) volge al termine. Servono progetti di qualità, gestiti da persone di qualità che abbiano sistemi di compenso di qualità e almeno in parte legati ad obiettivi di creazione del valore.

Se vuoi ridare spunto alla tua impresa, oltre ad ottimizzare i costi devi devi devi inserire al suo interno persone di qualità e che possano darle spunto e spinta. A volte basta una persona nuova di qualità per ribaltare completamente una situazione aziendale statica e che non sembra progredire. E dove tu dovessi aver già lavorato sul prodotto, sui margini, sul marketing e ancora non ci fossero i risultati, forse il problema risiede nelle persone che hai che si occupano di tale attività che, forse, non sono più all'altezza della situazione.

Nel complesso, anche se comincierà apparentemente sotto tono, il 2013 sarà l'anno della svolta e nel quale si vedranno i segnali della ripresa economica. Per coglierli, assicurati di aver compreso le necessità e richieste (anche quelle non dette) dei tuoi clienti e cerca di attirare nella tua azienda persone che possano davvero fare la differenza.

Quest'anno sarà il capitale umano a generare il capitale economico. Non farti cogliere impreparato.

Da ultimo tutti noi dobbiamo anche pensare alla società in cui viviamo: sono tante le storture che ancora affliggono il nostro Paese e, la politica, fino a quando non avrà risolto il suo problema etico di fondo, continuerà a non occuparsene. L'istruzione e la formazione delle nuove generazioni (che include il fatto di costruire insegnanti che sappiano motivare, plasmare e far crescere risorse umane di qualità), la grossa ignoranza della maggior parte della popolazione in materia di gestione finanziaria, la perdita dei valori etici che dalla politica sta pian piano contagiando il resto della popolazione, per non parlare di altri problemi forse anche più gravi come quello ambientale. Come ho detto in un altro recente articolo: se vuoi migliorare l'economia cerca di migliorare la società che ti circonda. Non solo ti sentirai meglio tu ma anche l'economia della tua azienda ne sarà influenzata positivamente. 

Buon Anno.  

Paolo Ruggeri


Condividi:
29/12/2012

Dall'International Herald Tribune di ieri: c'è una tendenza del mercato USA a richiedere carne (di maiale, di bovino o di pollo) che sia stata prodotta senza l'utilizzo di antibiotici sugli animali. 

La catena Whole Foods (gigante mondiale nella distribuzione di cibi organic) afferma di non riuscire a trovare abbastanza forniture. 

Una tendenza USA inevitabilmente nella maggior parte dei casi finisce per diventare una tendenza anche nel nostro Paese. Secondo l'articolo oltre il 90% delle carni che arrivano sulle nostre tavole sono state prodotte utilizzando antibiotici sugli animali.  

Paolo Ruggeri
Condividi:
29/12/2012

Auguri a tutti per un 2013 strepitoso e all'altezza delle tue aspettative


Paolo Ruggeri

Condividi:
<< | < Pagina 21 di 55 > | >>Vai a pagina: 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-35-36-37-38-39-40-41-42-43-44-45-46-47-48-49-50-51-52-53-54-55

ARTICOLI