X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
<< | < Pagina 33 di 55 > | >>
24/08/2011

Torno da un viaggio di lavoro/vacanza negli States. Passare del tempo là è sempre bello. In america si vive davvero bene e, nonostante il mio sarà un articolo anche un po' critico, devo ammettere che le opportunità negli Stati Uniti sono dappertutto (ma per fare business là ci vogliono le palle in quanto non ti regala niente nessuno...).

Pur lasciando perdere la tempesta economica di Agosto a seguito del declassamento del debito americano e dei guai del debito europeo, devo dire che la sensazione che mi sono portato a casa dagli Stati Uniti è che inizino a rendersi conto che non esistono scorciatoie alla creazione del valore. Le cose che mi sono rimaste impresse:

a) Il debito pubblico americano negli ultimi dieci anni è passato da circa 5,5 trilioni di dollari a quasi 15, quasi triplicato. Molte di queste spese sono state fatte per la guerra, altre sono state il "programma di rilancio" di Obama, fatto sta che una grande spinta alla crescita di quel paese è stata ottenuta stampando più soldi. Ce ne possiamo anche rendere conto guardando all'evoluzione del cambio Euro-Dollaro degli ultimi sette anni. Il dollaro ha progressivamente perso valore rispetto all'Euro perché ne continuovano a stampare...

b) La speculazione immobiliare è stata un'altra grande fonte di finanziamento per tutto il sistema americano. Negli USA le tasse di proprietà sugli immobili si aggirano attorno al 2% annuo che si applica sull'ultimo prezzo di acquisto/vendita dell'immobile. E' paradossale ma la grande speculazione del real estate americano ha permesso sia ai proprietari di case di prendere un sacco di soldi a prestito (continuando a rifinanziare lo stesso immobile che aveva via via più valore e facendosi pagare in cash la differenza) ma lo stesso ha aiutato a finanziare di brutto numerosi governi locali che vedevano il loro 2% annuo continuare a gonfiarsi.  

Ora la festa è finita. Il sistema dei Tea Party insiste perché si smetta di stampare denaro a destra e manca. La California è sull'orlo della bancarotta e il Governatore dice che "dobbiamo renderci conto che non possiamo più permetterci lo stesso tenore di servizi che avevamo prima...", numerose contee e municipi tagliano, tagliano e tagliano per far tornare i bilanci. 

Ora, gli Stati Uniti sono un paese immenso. Non è possibile fare di tutta un'erba un fascio come sto facendo io. Ci sono alcune aree cmq in forte espansione. Ma l'impressione con cui torno a casa è che anche negli States si è arrivati a capire che se si vuole più soldi, se si vuole migliorare o anche solo mantenere uno standard di vita elevato, serve ritornare a produrre valore. Non esistono scorciatoie.

Paolo Ruggeri




Condividi:
24/08/2011

Faccio la collezione di monete. Mentre ero negli USA ho acquistato alcune monete d'oro. Sono rimasto sorpreso che il cassiere abbia accettato qualcosa che di fatto non vale niente (i miei euro) e mi abbia dato qualcosa, l'oro, che pur oscillando mantiene un certo valore... 

L'oro in questi giorni sta iniziando nel breve una correzione al ribasso perché alcuni dicono sia salito troppo in fretta ma è indubbio che stia crescendo in modo impressionante. Io non so se raggiungerà i 2400 dollari l'oncia come molti dicono o se il Franco Svizzero raggiungerà la parità con l'Euro, fatto sta che mi rendo conto di come la moneta stessa, il denaro, qualche problema di credibilità inizi a possederlo.

I soldi continuano a valere ma è la fiducia nei governi, nei politici e nel sistema bancario e finanziario che viene a mancare. D'altronde come si fa ad avere fiducia quando scopri che le banche sono "sicure" perché, dovessero andare a gambe all'aria, sono garantite dallo stato. Ma lo stato, già pesantemente indebitato, di fatto rimane in piedi perché le banche stesse (quelle che lui dovrebbe salvare nel caso andassero in difficoltà) comprano i nuovi titoli di stato che emette per finanziarsi... Ohhhhhhhhh ma cos'è 'sta roba qui? E' un miracolo che un sistema del genere si tenga in piedi. Mi ricorda un mio vecchio amico che faceva gli anticipi contanti con le carte di credito per coprire gli assegni che altrimenti andavano in protesto... 

Ora è vero che tutte queste cose influenzano poco l'impresa se non ha bisogno di accedere al credito e se non ha clienti che hanno bisogno di accedere al credito (!!!?), cmq è un gran bel mal di testa.  

Due riflessioni veloci:

a) Come imprese siamo sempre più spinti verso la creazione del valore. Creare valore e veri affari per i nostri clienti è imprescindibile. Quando dai meno di quello sul mercato, oggi esci subito. Ovviamente poi rimane il fatto che oggi non si può più fare a meno di prestare attenzione ad una sana gestione finanziaria. 

b)  Ritengo che a livello politico il problema dei debiti, dei bilanci disastrosi degli stati, ecc non sia dovuto ad un problema di imperizia, di mancanza di intelligenza, ad una parte politica che governa meglio dell'altra ecc, ma risieda ad un livello ancor più basilare e fondamentale: a livello politico e nel mondo finanziario c'è mancanza di etica e di onestà.

Paolo Ruggeri


 
Condividi:
03/08/2011

In allegato le slides (in inglese) usate per la presentazione ai sales rep della Trend United States. 




Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
28/07/2011

Un Cigno nero, secondo la teoria di Nassim Taleb, è un evento altamente improbabile con tre caratteristiche fondamentali: 

Primo: e' isolato e imprevedibile. 
Secondo: ha un impatto enorme. 
Terzo: la nostra natura ci spinge ad architettare a posteriori giustificazioni della sua comparsa, per renderlo meno casuale di quanto non sia in realtà. Il successo di Google è un Cigno nero, l'ascesa di Hitler e l'11 settembre sono Cigni neri. 

Sto per partire per gli Stati Uniti per lavoro (qualche conferenza) e vacanze e mi chiedo: ma che cosa succederebbe se gli USA facessero default il 10 di Agosto o giù di lì? I dollari che mi porto varrebbero ancora per tornare a casa? E gli Euro? 

Quindi mi metto a riflettere e mi dico "ma ci rendiamo conto che gli USA hanno sestuplicato (6x) il loro debito pubblico in dieci anni e che riescono ad essere solvibili solo perché continuano ad emettere altri titoli di stato?" . Ma come fanno a non fallire in una situazione del genere? 

Poi mi guardo intorno e penso all'Italia, alla Grecia, al Portogallo, a Cipro e penso all'insicurezza di tutti i risparmiatori e mi rendo conto di quanto la finanza abbia inquinato e danneggiato le nostre vite. 

Oggi uno non solo deve guadagnarsi i soldi (e già questo non è affatto scontato) ma poi una volta che li guadagna non sono più nemmeno certi o sicuri quelli. Ma ci rendiamo conto di dove siamo arrivati????  La finanza è riuscita addirittura ad avvelenare il concetto stesso di denaro. Hai degli euro che ti sei guadagnato? Eh non è mica sicuro che varranno ancora... Hai dei dollari che ti sei guadagnato? Eh, probabilmente si svaluteranno perché gli USA continuano ad espandere il debito...

In altre parole questi signori della finanza hanno inquinato il concetto stesso di denaro manipolandolo e speculandoci sopra a loro piacimento. E' paradossale ma stanno uccidendo la base stessa sulla quale si fonda il denaro: la fiducia.

Sono convinto che dal punto di vista della finanza globale, l'indebitamento degli stati, ecc, ci troviamo sull'orlo di una voragine. Solo non sappiamo quale sarà il "cigno nero" che ci spingerà dentro. Ma sta arrivando. 

Il denaro, le azioni, le obbligazioni, il debito degli stati... che cosa è sicuro oggi? E non è forse assurdo che noi ci spacchiamo la schiena, innoviamo, lavoriamo come matti, facciamo marketing, ecc.. per guadagnare qualcosa che poi non è nemmeno così sicuro che continuerà a valere? 

Serve un nuovo modello e certamente servono dei nuovi paradigmi. Che quelli della finanza vadano al diavolo.

Paolo Ruggeri
Condividi:
25/07/2011

Giocare con la Rebecca! 

In generale non esiste forma di motivazione come stare con i bambini e dedicare del tempo ad aiutarli a comprendere il mondo e farli crescere. 

Paolo Ruggeri
Condividi:
24/07/2011

Allegate qui troverete le diapositive in ppt della mia presentazione alla MBS Bologna di Luglio 2011 circa il benessere ed il management delle proprie emozioni. 

Un approccio olistico alla gestione dell'impresa ma soprattutto alla propria autogestione, qualcosa che ti permetta di continuare ad avere birra da dare anche di fronte a difficolta' e piccoli e grandi fallimenti (ce ne saranno molti sulla strada verso il successo dell'impresa, l'importante e' non lasciarsi smontare). 

In pratica le cose di cui prendersi cura per evitare il burn out. Ripetero' questa presentazione alla MBS di Milano della prossima settimana. 

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
21/07/2011

Come parte del nostro approccio non convenzionale monitoriamo ogni mese l'andamento dei fatturati delle aziende iscritte al programma MBS e premiamo le aziende che hanno avuto il maggior incremento percentuale rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. 

Teniamo due classifiche: 

a) La Junior League, che raggruppa tutte le aziende con un fatturato annuo inferiore ai 4,5 milioni di euro. 
Ogni mese premiamo le dieci aziende con il miglior incremento. 

b) La Senior League che raggruppa tutte le aziende con un fatturato annuo superiore ai 4,5 milioni di euro. 
Ogni mese premiamo le dieci aziende con il miglior incremento. 


Queste le classifiche relative ai fatturati di Giugno 2011: 


JUNIOR LEAGUE GIUGNO 2011 

1) MEDI APPALTI Settore Edilizia + 275,76 %
2) MB STUDIO Settore Immobiliare + 125,61 % 
3) GLAMOUR Settore Calzaturiero + 120,59 %
4) PUNTO SERRAMENTI Settore Serramenti +104,83 % 
5) SASSO DEI LUPI Settore Vini + 70,52 % 
6) ATELIER ITALIA Settore Arredamento + 63,75 % 
7) CASELLI Settore Metalmeccanico + 58,52 % 
8) MASSARDI Settore Pitture e Vernici + 50,00 % 
9) AGENZIA IBL Settore Commercio + 47,93 %
10) CLINICA DEL SORRISO Settore Dentistico + 42,28 % 

SENIOR LEAGUE GIUGNO 2011 

1) ADICOMP Settore Compressori ad Aria + 202,62 %
2) TASSO & CANDELORO Settore Immobiliare + 143,81%
3) AGREX Settore Costruzione Impianti Molitori + 140,59 %
4) AREDIA Settore Arredamento + 99,76 %
5) BERTELLI Settore Costruzioni + 39,93 %
6) PEMA GROUP Settore Metalmeccanico + 18,80 %
7) COLOR GROUP Settore  Vernici e Pitture + 16,73 % 
8) MERAL Settore Serramenti in Alluminio + 12,75 % 
9) GALBUSERA Settore Alimentare + 11,55 % 
10) SURGEL COMPANY Settore Alimentare + 9,81 % 


ADMIN

Condividi:
18/07/2011

In allegato la mia presentazione di oggi alla Trend Spa di Vicenza. 

Trend ha costruito un gran gruppo di agenti per l'Italia. Un ringraziamento a Gandino Vezzaro per tutto il sostegno e la fiducia.

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
14/07/2011

In allegato la presentazione che ho tenuto oggi alla MBS di Roma circa il cambiamento, basata sulla ricerca di Chip e Dan Heath. 

Sono convinto che le informazioni contenute nel loro libro siano davvero fondamentali e l'approccio consigliato sia qualcosa che qualunque manager d'impresa dovrebbe conoscere. 

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
14/07/2011

In allegato le diapositive della presentazione che Alessandro Vella http://alessandrovella.wordpress.com/ ha tenuto questa mattina alla MBS di Roma riguardo alla gestione del personale. Alcuni degli spunti forniti: 

a) Il tuo punto di vista sulla persona influenzerà i risultati che riuscirà ad ottenere. 

b) Se vuoi che le persone siano produttive devi creare il contesto giusto (l'ambiente e le relazioni). 

c) Elimina gli atteggiamenti negativi all'interno dell'azienda. 

d) Con una persona puoi agire in due modi: 

La fai sentire utile, poi importante, poi speciale, poi unica. 
oppure
La fai sentire inutile, poi irrilevante, poi scadente, poi sola. 

e) Ognuno aspira a crescere: (guarda il filmato dal secondo 29) 



Paolo Ruggeri




download slidesDownload delle slides
Condividi:
08/07/2011

Oggi ho fatto una visita alla MBS di Palermo, ho partecipato al gioco della crescita e devo dire che sono rimasto davvero impressionato di vedere tanti imprenditori decisamente "sul pezzo"

Roberto e Katia di Max Optical (+ 24% sui fatturati dell'anno precedente) hanno spiegato di come tramite gli eventi e tramite l'attenzione alle persone della loro squadra stanno facendo qualcosa nel settore ottico che è davvero innovativo e rivoluzionario. 

Alberto di Glamour (+121% sui fatturati dell'anno precedente) ha spiegato che le sue azioni vincenti sono state: 

a) Lavorare su se stesso (se l'imprenditore non è in forma l'azienda non va da nessuna parte) 
b) Mettere le persone dello staff al 1° posto. "Guarda come stanno le persone che ti stanno vicino". 
c) Fare sempre qualcosa per i propri clienti anche se questi non comprano.  

Eugenio di Medi Appalti (+ 276% sl fatturato dell'anno precedente) ha spiegato che a volte degli incidenti di percorso ti portano a vedere tutto negativo e, come conseguenza, poi l'azienda va male. La sua ricetta è stata lavorare su se stesso. 

Ho visto imprenditori agguerriti, creativi e decisamente in forma. Dopo interventi come questi, il mio intervento sull'efficienza (di cui allego slide) passa decisamente in secondo piano. 

Un grande complimento a Gaetano Seminara, Marco Merlino e a tutto lo staff MBS Sicilia. Questa scuola manageriale siciliana non ha niente da invidiare alle altre del nostro gruppo! 

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
06/07/2011

L'Ing. Consonni è CEO dell'Istituto italiano Sicurezza Giocattoli e di ICQ
Global srl
, un ente che certifica la conformità dei giocattoli e vi appone il
marchio CE. 

Nel suo intervento al Top of the Year "Innovazione: il coraggio del cambiamento" contenuto nella collana di DVD "Top of the Year: gli Imprenditori parlano agli imprenditori", l’Ing. Consonni si chiede da dove inizia la crescita di una multinazionale, e offre una risposta: dall’innovazione. Il problema dei mercati moderni è il cambiamento rapido e continuo, pertanto per sopravvivere, l’imprenditore deve avere nuove idee. Le crisi sono un catalizzatore di idee. Le più grandi innovazioni sono state introdotte in periodi di recessione. 

Non tutti possono diventare inventori. Ma tutti devono diventare innovatori! Ma come si fa innovazione? L’innovazione comincia con la passione e con il conseguente coraggio di fare.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Condividi:
06/07/2011

Questo il titolo del secondo DVD della collana "Top of the Year: gli Imprenditori parlano agli Imprenditori".

Il relatore è Roberto Gorini, cofondatore di Open Source Management e A.D. della stessa, ma prima di tutto imprenditore con attivita' pluriennali nei settori del videogioco, dell’editoria e delle consulenze. 

Ha creduto nel progetto di una società fatta da imprenditori per gli imprenditori e ha messo a disposizione di tutti i clienti OSM la sua esperienza nella gestione finanziaria. In questo intervento "Come uscire dall'indebitamento creando cash flow" nello specifico, Roberto spiega come il passato ha creato il presente e il futuro delle regole del mercato finanziario. 

Al Top of the Year il suo e' stato un intervento spettacolare, basato su come non subire la crisi dei mercati, ma conoscerne e applicare le ‘regole del gioco’ della liquidita': fare cash flow! Il messaggio di Roberto e' chiaro: meglio flessibili che grandi, questo e' il segreto del benessere. Non solo aziendale!

Per ulteriori informazioni clicca qui
Condividi:
06/07/2011

Flavio Cabrini, consulente d’azienda, Direttore Tecnico e senior partner Open Source Management, e' uno dei principali attori nella creazione di aziende di successo negli ultimi anni. Vanta un’esperienza decennale nel campo della motivazione e della gestione d’impresa. E’ un formatore di grande esperienza abituato a platee numerose, grande motivatore e team leader. 

E’ anche autore, insieme alla Dott.ssa Broccoli, del libro “Scegli chi ti aiuta” pubblicato nel 2008 da Engage Srl. 

Il suo speach al Top of the Year "Emozionare il Team" offre una guida alla motivazione del team: attraverso la sua esperienza Flavio spiega i due ruoli che deve avere una persona all’interno di un team. 

Scoprili nel DVD e applicali alla tua realta'!

Per ulteriori informazioni clicca qui
Condividi:
06/07/2011

Marco Rocca, è titolare di Mottolino SpA, azienda che a Livigno gestisce rifugi, impianti di risalita e tutto ciò che contribuisce in maniera unica a dar vita ad una vacanza in vetta indimenticabile. Il suo scopo è far divertire la gente e per riuscirci, Marco ha sottolineato come i collaboratori siano una sua attenzione costante, così come i clienti sono al centro del suo reale impegno e vanno seguiti con cura e passione, fin nei dettagli e in tutte le fasi del loro utilizzo delle piste. 

Per ulteriori informazioni clicca qui

Condividi:
06/07/2011

Michaela Gariboldi, socia, formatrice e consulente Open Source Management, da anni mette a servizio dei clienti tutta la sua professionalità ed esperienza per aiutarli a crescere. 

In particolar modo, nel suo intervento al Top of the Year, "Vendere con vero Interesse per il Cliente" Michaela spiega come la vendita non si sostanzia più nel semplice chiedere, ma prima di tutto nel dare. 

Dietro il “dare” c’è sempre interesse. Vero interesse per il cliente e per ciò che egli crede, per le sue azioni e i suoi sogni. In questo modo, da venditori ci si trasforma in creatori di soluzioni, che offrono risultati, non prodotti.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Condividi:
06/07/2011

L'Ing. Mario Tasso e' un imprenditore nel vero senso della parola, e gestisce imprese di successo in settori diversi. 
Tasso Industries e' una delle poche imprese del comparto metalmeccanico che ha davvero capito l’importanza del marketing per crescere; Tasso&Candeloro Costruzioni e' una delle societa' immobiliari del Centro Italia che raggiunge grandi risultati. 

Nel suo intervento al Top of the Year, "Fare Utili" l’Ing.Tasso descrive con la forte simpatia e l’originalita' che lo contraddistinguon, le difficolta' degli inizi, nel 1991, anno in cui, con qualche decina di milioni di lire e un grandissimo sogno, ha inaugurato l’industria. Un progetto inseguito, voluto e cercato, con il coraggio di “prendere decisioni che ti fanno venire la pelle d’oca” e che lo hanno portato al risultato.

Per ulteriori informazioni clicca qui
Condividi:
05/07/2011

Ecco nuovi  spunti per imparare a gestire un'azienda: un'azienda solida, che cresce e con persone motivate che lavorano al suo interno....e questa volta ad insegnarlo sono gli stessi imprenditori oltre ai nostri migliori formatori che, raccontando le loro azioni di successo, spiegano a tutti cosa fare per espandersi nel mercato.

Abbiamo raccolto queste informazioni in 8 DVD imperdibili, ognuno legato ad uno degli aspetti della gestione d'impresa.


Il primo dei DVD ha come titolo "Far crescere l'impresa" di Paolo Ruggeri

Paolo Ruggeri
è uno dei soci fondatori di Open Source Management; alla capacità di sintetizzare in strategie e formule pratiche le idee e i concetti provenienti da varie discipline, Paolo unisce una grande abilità nell’ispirare e motivare persone provenienti da tutti i livelli sociali. 

Nel suo intervento al Top of the Year Paolo spiega come fare utili con meno costi e meno risorse.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Condividi:
24/06/2011

In allegato le slide della mia presentazione alla MBS di Bologna circa il perché 80% delle persone nella società non riescono a raggiungere la prosperità economica. 

Paolo Ruggeri

download slidesDownload delle slides
Condividi:
24/06/2011

La MBS di Bologna di Giugno poteva anche limitarsi a questa singola presentazione di Patrizio Cappella di ACB Autotrasporti che ci ha spiegato che "grazie alla crisi" e durante questi periodi di "crisi", la sua azienda ha: 

a) Migliorato il fatturato 
b) Migliorato gli utili 
c) Ridotto drasticamente le dilazioni a clienti. 

Una lezione per molti di noi. 

"Dico grazie alla crisi - ha concluso Patrizio - perché mi ha fatto uscire dal letargo nel quale ero entrato. Se tu come imprenditore sei in letargo, non pensare che quelli vicino a te siano da meno..." 

Una presentazione che ci ha shocckato ed elettrizato. Chapeau per il grande lavoro svolto in azienda. 

Paolo Ruggeri   

download slidesDownload delle slides
Condividi:
<< | < Pagina 33 di 55 > | >>Vai a pagina: 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-35-36-37-38-39-40-41-42-43-44-45-46-47-48-49-50-51-52-53-54-55

ARTICOLI