X Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.
<< | < Pagina 46 di 55 > | >>
25/04/2009

Martedì 21 Aprile abbiamo chiesto al Dott. Daniele Beretta di Clinica del Sorriso di tenere una presentazione circa il "creare momenti magici in azienda", momenti nei quali si ottengono risultati eccezionali nemmeno previsti. 

Per contestualizzare il momento magico di Clinica del Sorriso, bastano alcuni numeri di questa azienda che opera nel settore delle cure dentali: 

Fatturato primo trimestre 2009: + 112% 
Fatturato degli ultimi sei mesi: + 96% 

Il tutto con una squadra nuova e con meno personale...

Un sunto dell'intervento dai miei appunti.

a) Know How: il manager deve sapere tutto dell'azienda e del ciclo produttivo, in tal modo potrà avere un termine di paragone per intervenire prontamente.  
b) Controllo Continuo dei 3 o 4 indici che fanno la differenza per l'azienda: il manager mentre gestisce le attività day to day deve controllare regolarmente i 3-4 indici principali che gli dicono come sta andando l'azienda. Avere alcuni indici che ci dicono come stanno andando le cose ci permette di "rimanere sempre sul pezzo" ed agire subito per risistemare qualsiasi mancanza. 
c) Agire OGGI sugli indici che dovessero mostrare degli scostamenti: quando vedi qualcosa che non va in azienda, non procrastinare ma agisci subito e verifica che quanto hai chiesto sia immediatamente messo in atto.  
d) Avere il "CHI" giusto: Hai davvero fatto una selezione per le persone che hai oggi in azienda? 
e) Vicinanza alle persone: non puoi trasferire il sogno alle persone che lavorano con te se non gli sei vicino e non sei costantemente con loro a far marciare le cose.

Beretta ha poi concluso che tutto quanto sopra diventa inutile se tu come imprenditore non sei guidato da valori forti come, per esempio, l'aiutare agli altri.

In allegato le diapositive della presentazione. 

Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
25/04/2009

Il collega Massimiliano Persico di Mind Consulting Triveneto ha scritto un'interessante newsletter circa il Fare Marketing in Tempi di Crisi. Vale la pena leggerla. Per scaricarla fai click su download delle slides.


Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
25/04/2009

I campioni vanno celebrati. 

Per noi di MBS e di Mind Consulting è un onore poter dire di avere tra i nostri clienti imprenditori come Giancarlo Fiore. 

http://www.corrieredelsud.it/site/modules/article/view.article.php?6384 

Per me è un onore poter dire di avere Giancarlo come amico. I risultati della sua impresa parlano da soli. Ma io volevo parlare di Giancarlo come uomo. Due mesi fa nel corso della cena MBS ci ho parlato per una serata intera. Le sue prime vendite con la macchina che quando pioveva si allagava, il suo coraggio a rimettere tutto in discussione e a rischiare quando aveva già raggiunto una posizione economicamente invidiabile, la tenacia, il pensare in grande, il non fermarsi mai, insomma tutte caratteristiche che ti ispirano e ti accendono. 

Ma la cosa che più mi ha colpito di Giancarlo è la sua umanità. Dopo un paio d'ore che parlavamo mi sono reso conto che avevo a che fare con una persona speciale, una persona che davvero tiene agli altri non importa la loro posizione. 

Ora tutti noi conosciamo il valore di Giancarlo come imprenditore. Ebbene il suo valore come uomo, secondo me, sovrasta anche quello dell'imprenditore. 

Ben fatto Giancarlo!!!

Paolo Ruggeri
  
Condividi:
25/04/2009

Giovanni Matera è il titolare della Matera Arredamenti di Laterza, in provincia di Taranto. http://www.laterza.org/Economia/Scheda_Azienda.asp?ID=47

La Matera Arredamenti ha appena concluso in modo eccezionale il primo trimestre 2009 con vendite in incremento di oltre il 50% rispetto all'anno prima. Abbiamo quindi intervistato Giovanni Matera per capire le sue azioni vincenti. Segue un breve resoconto: 

1) Far fare anche ai montatori (le persone che istallano i mobili) formazione sulla vendita. Non sembra, sostiene Giovanni, ma queste persone possono incidere moltissimo sulla fidelizzazione del cliente e contribuiscono in modo importante a far vivere al cliente la migliore delle esperienze.
2) Fare una riunione mensile dell'azienda invitando anche le mogli e i mariti della forza lavoro: aumenta lo spirito di gruppo e tiene il team unito. 
3) Inserire in azienda collaboratori che abbiano un approccio positivo ed ottimista anche se tecnicamente non conoscono il mestiere. Il mestiere puoi anche insegnarlo, sostiene Giovanni, insegnare l'atteggiamento positivo è molto più difficile. 
4) Crea una storia attorno al prodotto o servizio che vendi. "Nel nostro caso - dice Giovanni - noi non vendiamo mobili. Noi vendiamo il sogno di una vita, cerchiamo di dare valore ai soldini che i nostri clienti hanno messo da parte con grandi sacrifici". 
5) Crea un piano incentivi per i collaboratori dell'azienda. Loro devono sapere che raggiungendo degli obiettivi di vendita possono incrementare in modo deciso i loro compensi. 
6) Fai Marketing nel sociale: anche se all'inizio potrebbe sembrarti inutile, nel lungo termine ti ripaga alla grande in termine di immagine e di volume d'affari. 
7) Metti in bacheca le statistiche o indici numerici principali dell'azienda: se le persone le vedono ogni giorno saranno motivate anche a migliorarle. 
8) E infine: trova l'occasione per festeggiare sempre con la tua squadra. Festeggia ogni cosa, anche le cose più piccole. 

Paolo Ruggeri   

Condividi:
25/04/2009

Dopo l'intervento del mese scorso, dove ha trattato l'importanza dell'autodisciplina per il successo nel business, Massimiliano Calore è tornato ad intrattenerci parlandoci dell'importanza della determinazione

La presentazione è ruotata intorno al fatto che ciò che davvero ti può frenare nel business non è tanto quello che ti succede o succede intorno alla tua azienda, quanto ciò su cui tu decidi di concordare. Le persone determinate, secondo Max, prendono atto delle difficoltà del momento o delle circostanze, ma non si rassegnano passivamente ad esse. Hanno la determinazione per decidere di far andare le cose in modo diverso. Max ha poi portato come esempio il fatto che la stragrande maggioranza degli imprenditori che prendono parte al programma MBS hanno fatturati ed utili in incremento. 

A furia di accettare passivamente le circostanze negative intorno a sé: il fatto che c'è crisi, che sarà difficile fare business, ecc, ecc, si viene a creare attorno all'individuo un muro fatto di bugie che un po' alla volta lo frena e gli impedisce di essere efficace. 

Ho allegato un PDF della presentazione. L'esercizio dei tre fogli è stato fantastico. 

Max inoltre mi ha chiesto di chiedervi chi si è rubato le mele della presentazione che erano la "colazione al sacco" che gli aveva preparato la Michaela...

Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
08/04/2009

Ho passato una piacevole mattinata con diversi soci ed amministratori di cooperative emiliane. Parlato di comunicazione e di motivazione e poi, come solito da un po' di tempo a questa parte, si è passati a parlare di re-inventarsi e delle soluzioni che le imprese dell'agroalimentare dovrebbero adottare per competere con maggior successo ed avere 

La cosa primaria: ritengo che oggi il successo di un prodotto dipenda al 50% dalla produzione e almeno al 50% dal suo marketing. Come amministratore della cooperativa che percentuale del tuo tempo dedichi al secondo? Meno del 50% non basterà... Può sembrare dura ma è così.

Paolo Ruggeri  



download slidesDownload delle slides
Condividi:
05/04/2009

Se c'è una cosa positiva che questo scenario economico sta portando nel business è una rinnovata attenzione alle relazioni. Sono sempre stato convinto che come imprenditore non riesci a sopravvivere da solo e che una delle componenti del cosidetto "capitale intangibile" di un'azienda sia la rete di relazioni positive che essa riesce a costruirsi. 

A mio avviso "economia delle relazioni" non significa solamente avere buoni rapporti con clienti e fornitori, significa invece sentirsi parte di qualcosa di più grande, significa condividere valori, esperienze, conoscenze e business con gli attori del ciclo economico della propria impresa. Significa parole come "crescere insieme", "sostegno reciproco",  "essere davvero in rete", "ognuno che si prende cura dell'altro". 

Nel nostro piccolo alla MBS crediamo davvero in questa cosidetta "economia delle relazioni". Eccoci nella foto allegata assieme ai nostri clienti mentre facciamo la nostra "fiera" condividendo business, opportunità e sorrisi. 

Saremo anche fuori dagli schemi ma di una cosa siamo certi: se rimani da solo oggi nel business non vai più da nessuna parte. 

Paolo Ruggeri   

Condividi:
01/04/2009

In allegato le diapositive della presentazione tenuta ieri al focus group di Confcooperative Umbria "Trovare gli stimoli per reagire alla crisi".


Ho molto apprezzato la riunione in quanto a mio avviso era composta dal giusto cocktail di competenze ed informazioni. Un ringraziamento a Lorenzo Mariani per l'eccellente organizzazione e per l'invito.


Paolo Ruggeri  



download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2009

Penso che le giornate di MBS della scorsa settimana siano state tra le più belle di sempre. La fiera con lo scambio business tra le aziende clienti, gli interventi, l'entusiasmo, il divertimento...


Tra le altre cose abbiamo avuto un intervento di Max Calore sull'autodisciplina e la sua importanza per la gestione d'azienda che è stato davvero notevole.


In allegato le slide in pdf. 

Paolo Ruggeri


 



download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2009

Questo è uno dei periodi della mia vita in cui sto molto bene. Uno di quei periodi in cui senti una grande forza, hai grandi idee e le cose sembrano andare facilmente per il verso giusto...

Devo riconoscere che un grande contributo l'ho ricevuto io stesso stando nell'ambiente MBS. Insomma, quando ogni santo giorno ti confronti con imprenditori brillanti che hanno idee, che perseguono grandi obiettivi e che condividono le azioni vincenti in un'ottica di gruppo, un po' alla volta ti senti venire addosso una forza straordinaria. 

L'ultima sessione di formazione MBS è stata per me la migliore di sempre: tante aziende, bella gente, persone entusiaste che ottengono grandi risultati, progetti imprenditoriali condivisi, la fiera con numerose alleanze e partnership ma soprattutto lo spirito e le persone che stanno dietro a questa iniziativa. 

Dopo tre giorni come quelli passati assieme da Giovedì a Sabato dove trovi Follador e le sue colombe, Carrafiello con i suoi progetti imprenditoriali, Messali scatenato sulle vendite, Roberto Bonazzi con la sua serenità, Matera con i suoi piani di incentivi e Fiore che apre nuovi centri commerciali, solo per menzionarne alcuni, ma come fai dopo a pensare che c'è la crisi???

Insomma siete persone straordinarie. Grazie per tutto quello che state facendo. 

Paolo Ruggeri   

Condividi:
29/03/2009

In allegato le slide dell'intervento di Giovedì di Cabrini: motivare il personale in tempi di crisi. 

Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2009

Venerdì alla MBS ho fatto un intervento dove ho ritirato fuori alcune vecchie slide sulla vision e su quelle che ritengo alcune delle leggi del successo. Un intervento bello carico ma il cui sunto di fatto è uno: se persegui davvero una vision e agisci in base alle leggi del successo (più informazioni nelle prossime presentazioni) tutte le difficoltà che incontrerai conterranno anche il seme di una grande opportunità (che forse non riuscirai a scoprire al momento ma che capirai molto più avanti).


Venendo al presente scenario economico, anche se sono consapevole che ci sono ancora molte sfide davanti a noi, forse per il fatto che sto bene, sono ritornato ad essere decisamente ottimista. Vedo molte aziende che hanno ripreso a ricevere ordini da clienti, diverse aziende nel settore immobiliare con i preliminari di vendita del 2009 superiori al 2008. Più che altro ritengo che oggi come oggi ci voglia coraggio e ci vogliano sogni. Anzi ti dirò di più: se oggi hai delle idee e un po' di entusiasmo il mercato presenta anche delle opportunità che sono irripetibili. 

Slide allegate.


Paolo Ruggeri  



download slidesDownload delle slides
Condividi:
29/03/2009

Roberto Bonazzi e Mino Cesari sono i titolari di Platinum Group  http://www.platinumgroup.it/ azienda bolognese attiva nel portare ai propri clienti soluzioni per il risparmio energetico. Visti gli ottimi risultati ottenuti dall'azienda abbiamo chiesto a Roberto di tenere un intervento agli altri imprenditori che prendono parte alla MBS. 

Ho apprezzato l'intervento di Roberto in quanto non ha solamente sottolineato le classiche azioni di gestione d'impresa (miglioramento individuale, migliore gestione, gestire le aree scomode, ecc) ma ha rimarcato un punto che, negli anni a venire, acquisirà sempre maggiore importanza: le imprese che vanno bene oggi sanno eccellere nelle relazioni, non solo con i clienti ma con il tessuto imprenditoriale che gira loro intorno. Anche se Roberto ha sottolineato l'importanza che la collaborazione tra gli imprenditori MBS ha generato per Platinum, ci tengo a far notare che sempre di più la collaborazione trasversale tra imprese sarà uno dei fattori competitivi importanti negli anni a venire. Per usare le parole di Roberto: da solo, anche se sei bravo, non vai da nessuna parte. Oggi per eccellere hai bisogno della collaborazione di altri imprenditori. 

Slide in PDF allegate. 

Paolo Ruggeri

  



download slidesDownload delle slides
Condividi:
15/03/2009

Dopo un paio di settimane un po' convulse e confuse sul fronte dell'economia, inizia ad essere presente anche qualche segnale incoraggiante. 

Gli incentivi statali alla vendita auto in Germania hanno portato a un sostanziale incremento delle vendite (Vendite auto in Germania Febbraio 2009: + 21,5% su Febbraio 2008  http://www.google.com/hostednews/afp/article/ALeqM5iqwGvW1zmTNklwPclriTRhFMTTVg ). C'è da sperare che le misure di incentivo introdotte anche nel nostro paese portino agli stessi risultati per l'industria dell'auto e per tutto l'indotto. 

Nel mentre Giappone, USA e GB hanno deciso di aumentare ancora l'ammontare del denaro pubblico iniettato nel sistema come stimolo all'economia. C'è solo da sperare che i nostri governanti riescano a far ritornare il genio nella lampada... 

Sul fronte delle banche, a parte le difficoltà delle banche ucraine, non ci sono sostanziali novità. Qualcuno mi ha chiesto come è stato possibile che anche giganti come Citigroup o UBS abbiano avuto il bisogno di interventi statali per evitare il fallimento. La spiegazione tecnica è piuttosto semplice: le banche, sulla base della loro capitalizzazione, utilizzano la "leva finanziaria" sia per gli impieghi (prestiti, mutui, ecc) sia per attività di conto proprio (investimenti diretti). Quando il valore delle loro stesse azioni era molto elevato (e anche il valore degli investimenti in titoli che detenevano) si sono esposte utilizzando la leva. Con il crollo dei mercati finanziari si sono trovate a dover rientrare nei parametri ed è ovvio che ad ogni ulteriore discesa del valore delle borse (e quindi ad ogni successivo calo della propria capitalizzazione) si trovano di nuovo fuori dai parametri.

A parte tutte queste novità c'è un pensiero che mi assilla da qualche giorno a questa parte: certo l'economia è in difficoltà ma non è forse vero che è in momenti come questi che tutte le grandi fortune imprenditoriali del passato sono state create? E' in momenti come questi che imprenditori coraggiosi hanno avuto la forza di mettere le basi per tutte le imprese che ancora oggi sono un grande successo. Non tutto della crisi è male. O perlomeno non lo è se hai una vision chiara e non hai paura.

Paolo Ruggeri  

 

Condividi:
15/03/2009

Di ritorno dai Paesi dell'Est, mentre sto aspettando la coincidenza a Monaco, incontro una delegazione di imprenditori italiani di ritorno dall'Ucraina. Le banche ucraine, in difficoltà di liquidità, hanno congelato i depositi e non lasciano più ritirare i soldi dai conti correnti. Gli imprenditori sono ritornati a tenere i soldi sotto al materasso...

Sempre secondo lo stesso gruppo di imprenditori, la scena economica ucraina è difficoltosa ma rimane comunque un certo ottimismo. 

Maggiori informazioni sulle difficoltà delle banche ucraine, possono essere trovate qui. 

http://www.rferl.org/content/Ukraine_Is_Used_To_Life_On_The_Edge_Is_This_The_Year_It_Slips_Over/1510354.html  

Paolo Ruggeri

Condividi:
04/03/2009

Stamane dalle 09:00 sto cercando di effettuare un acquisto da 50.000 euro. 

Prima telefonata ad azienda di Arezzo. Avevo già mandato una mail una settimana fa chiedendo informazioni e mi avevano risposto di telefonare ad una certa signora Patrizia... Ritelefono alla Patrizia, fredda come il ghiaccio, nemmeno un sorriso. Capisco che per lei sono una perdita di tempo. Chiedo i dettagli dell'acquisto. Sarei davvero interessato a concludere. Mi dice che per effettuare l'acquisto servirebbe un bonifico del 10%, gli chiedo se mi possono mandare una mail con i dati bancari, mi risponde che li trovo sul sito... Agghiacciante. 

Ma non demordo: ho un altro nominativo di un venditore che è passato nella nostra azienda e mi ha lasciato una brochure. Chiamo il cellulare. Mi risponde ma cade la linea. Riprovo: telefono spento. Riprovo ancora: telefono spento. Ti immagineresti che vedendo la "caller id" è il venditore che ti richiama, perlomeno per metterti un po' a tuo agio. Niente. Ma questo vuole vendere o è lì solo per perder tempo?  

Ma non mi arrendo: voglio comprare. Chiamo il numero dell'azienda del venditore, a Milano. Mi risponde una segretaria. Gli espongo il mio problema e la mia intenzione di acquistare. Mi dice: "guardi adesso sono occupata, mi potrebbe richiamare tra 5 minuti che le spiego tutto?"... Non prende il nome, non mi dice che mi avrebbe richiamato subito, niente. "Richiami tra cinque minuti".

Agghiacciante. Agghiacciante. Agghiacciante. Queste aziende non hanno bisogno di aiuti statali, di formazione del personale, di consulenza aziendale. Queste aziende meritano solo di andare al cimitero. 

Altro che crisi. 

Paolo Ruggeri  

Condividi:
03/03/2009

Stasera, guardando Ballarò, ascoltavo i nostri politici snocciolare le loro ricette per la ripresa economica, per il sostegno ai precari che perdono il lavoro, ecc e mi sono detto che se i politici fanno questi discorsi vuol dire che ancora non abbiamo capito che cosa sta succedendo o forse, peggio ancora, non ce lo vogliono fare capire. 

L'economia prima della crisi finanziaria di Ottobre 2008 era come un gigantesco cappuccino con tantissima schiuma (= valore fittizio) ma con pochissimo latte (= il vero valore generato). Il valore fittizio era composto dal credito facile ed infinito (per es. mutui casa al 110% del valore dell'immobile dati a persone che di fatto non qualificavano, ecc), dalla supervalutazione delle azioni in borsa (aziende decotte che producevano poco o nessun utile o, addirittura, perdite che valevano miliardi di euro in capitalizzazione), governi inefficienti o società intere, come gli stati uniti d'america che, vivendo al di sopra delle loro possibilità, di fatto si indebitavano sempre di più per "far tirare l'economia", ecc, ecc. Ottobre 2008 ha segnato in modo traumatico la fine della schiuma del cappuccino. 

Al che si è andati a cercare il latte e ce n'era davvero poco... nel senso che il valore effettivo prodotto dalle aziende o dagli individui ( = produttività per capita) era davvero molto basso. Dico molto basso perché la globalizzazione porta come condizione inevitabile che la ricchezza dei paesi che non innovano venga redistribuita con i paesi emergenti. Gli indiani, i cinesi, i vietnamiti stanno semplicemente prendendo una parte della nostra ricchezza e, se non innoviamo, sempre più di questa ricchezza verrà redistribuita, o meglio, divisa con loro. Loro diventeranno un pochettino più ricchi e noi un pochettino più poveri. 

Allora, finché c'è la schiuma del cappuccino tutto questo non si vede (l'economia tira, gli americani comprano sempre di più, i mutui facili fanno comunque vendere le abitazioni, ecc) ma non appena tutto questo valore fittizio scompare ci si ritrova a fare i conti con i fatti reali. I fatti reali sono che di fatto negli ultimi dieci anni l'Italia ha investito in Ricerca ed Innovazione l'1.1% del PIL mentre i paesi avanzati come il nostro di media hanno investito il 3%. Come sparisce l'economia fittizia, come la schiuma del cappuccino svanisce, ci troviamo inevitabilmente di fronte ai fatti brutali: non siamo più competitivi degli altri e sono in molti a competere per una parte della nostra ricchezza.

Quella che ti sembra una normale crisi economica, allora, in realtà è un gigantesco scomvolgimento che cambierà il mondo, riporterà l'economia alle sue basi reali (hai denaro nella misura in cui sei più bravo degli altri a produrre valore) e forse cambierà anche il modo in cui concepiamo il concetto stesso di lavoro. 

Ma ora usciamo per un attimo dalle discussioni di macroeconomia e scendiamo nella vita di tutti i giorni. Perché le banche continuano a cadere in borsa? Cadono in borsa perché la loro attività era principalmente basata sul creare schiuma del cappuccino e rivenderla ai loro clienti. Finché si guardava alla schiuma e c'era qualcuno disposto a comprarla, allora le cose andavano, ma ora che la schiuma non c'è più e si cerca il latte vero (il valore reale) ci si rende conto che anche le banche valgono poco o niente. 

Perché le banche riducono il credito? Perché il loro capitale (cioè i soldi veri che possiedono) rispetto ai loro impieghi (cioè soldi che hanno prestato o investito) è decisamente insufficiente. E quindi devono correre ai ripari riducendo i rischi e gli impieghi. Ma non lo fanno perché sono cattive. Lo devono fare per non fallire. Come mai ad alcuni politici, anche del nostro paese, è scappato di bocca che "forse nazionalizzeremo le banche?". Perché per quanta aria fritta ci raccontino, anche loro sanno che la situazione è preoccupante. 

Ci dicono che si faranno garanti per coprire eventuali insolvenze o fallimenti del mondo bancario ma, mentre dichiarano di essere disponibili ad entrare nelle banche con denaro fresco, di fatto un'inchiesa di Der Spiegel citata qui http://www.upi.com/Business_News/2009/02/20/Germany_suggests_international_bailout/UPI-65431235165547/  ci dice che il Ministro delle Finanze tedesco sta prendendo in considerazione di intervenire per aiutare i paesi della zona Euro che dovessero fare default sul debito sovrano (cioè non avere più soldi per pagare gli interessi del debito pubblico). Il che è come dire: i soldi per riparare a tutto questo casino non ce li hanno tutti. I paesi straindebitati potrebbero non averceli proprio.

Ora io mi auguro che tutti questi siano discorsi di fanta economia, ma nel farlo mi rendo conto che ci sono troppi indicatori che ci dicono che si sta creando una situazione di forte cambiamento per tutto il mondo economico e che questa situazione non durerà giusto alcuni mesi, ma potrebbe andare avanti almeno per un paio d'anni.  

Con che cosa ci lasciano tutti questi discorsi? Con il fatto che quella che stiamo vedendo oggi non è la crisi. Ma è solo l'inizio di un processo che davvero non sappiamo dove ci porterà. E la parola d'ordine per uscirne indenni o meno bruciacchiati , sia per i dipendenti che per gli imprenditori, sta in queste semplici parole: creazione di valore, competitività, innovazione per creare valore. 

Ogni giorno che mi alzo e penso a questa situazione, spero con tutto me stesso di sbagliarmi, che non sia così pesante come l'ho immaginata, che di fatto davvero i politici abbiano le cose sotto controllo come dicono. Ma poi guardo alla mia impresa e mi rendo conto che qualsiasi cosa io abbia mai ottenuto, non l'ho ottenuta grazie alle abilità dei politici o del sistema. L'ho ottenuta grazie al duro lavoro, all'innovazione, al volermi mettere in discussione, alla relazione che ho saputo creare con i clienti, alla passione che avevo per ogni cosa che facevo, al valore che ho creato.  

Lo stesso io penso valga per te. Questi non sono più tempi nei quali "tamponare" o mettere una pezza qua e là. Bisogna davvero mettere mano all'innovazione, ai processi produttivi, alle necessità dei clienti, insomma bisogna DARCI DENTRO e farlo DAVVERO, altrimenti presto non avremo più alcuna azienda.

Leggendo questo articolo potresti pensare che io sia un pessimista. Non è così. Io credo che in tutto questo bailamme si nascondano anche delle grandi opportunità. Ma non sarà un'opportunità se prima non impari a guardare anche i fatti brutali della presente situazione. Il mondo sta cambiando e ci sta venendo presentato il conto di tutto questo valore fittizio con il quale abbiamo vissuto e prosperato fino ad oggi. 

Dopo aver lanciato il sasso nello stagno, nei prossimi giorni tornerò a parlare di quello che fanno le piccole e medie imprese italiane che continuano a crescere sul mercato. Vediamo che cosa SI PUO' FARE e come farlo. 

Ma una cosa devi comprenderla: non puoi semplicemente aspettare. Ciò che ci aspetta nei prossimi mesi sarà adrenalina pura.

Paolo Ruggeri 

Condividi:
01/03/2009

Mercoledì alla Mind Business School Roberto Gorini ha tenuto un intervento circa gli strumenti da mettere in campo per avere una migliore gestione finanziaria all'interno delle piccole e medie imprese. 

Nella seconda parte della presentazione ha poi illustrato i suoi personali consigli per gli imprenditori le cui aziende dovessero particolarmente soffrire il periodo di crisi. 

Come già accennato in altri articoli Roberto terrà la prima edizione del corso Rich Strategy a Bologna il 7 e 8 Aprile 2009. Per maggiori informazioni sul corso, potete scrivere a mbs@mindconsulting.it

Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
01/03/2009

In allegato le diapositive dell'intervento tenuto settimana scorsa alla Mind Business School da Corrado Zambonelli dell'Hotel il Cappello d'Oro di Bergamo, catena Best Western. 

Gli ingredienti di un buon Customer Care secondoCorrado: 

a) Cura del cliente. Per farlo serve avere persone sensibili ai bisogni altrui.  
b) Conoscere i clienti ed ascoltarli (profilarli, conoscere le loro esigenze personali).
c) Sorprendere il cliente. 
d) Misurare la sensazione del cliente.
e) Trasformare il cliente in qualcuno che ti aiuta e ti dà consigli. 
f) Essere un Lovemark: entrare nel cuore della gente. 

Mi ha molto colpito tutta la parte circa il fatto di "arruolare il cliente nel proprio customer care". 
Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
21/02/2009

Ho avuto il piacere di intervenire alla riunione vendite Pietravera www.pietravera.com un'azienda giovane ma che già presenta, come dimostrano i suoi fatturati, numerose delle caratteristiche del leader. Un'altra dimostrazione del fatto che quando si mette un bel prodotto sul mercato e si ha qualcosa di nuovo e di interessante da dire ai clienti, le vendite non soffrono, anche nella presente situazione di mercato.


Le slide sono allegate e vertono su alcune delle ricette che a mio avviso devono seguire i venditori oggi per salire la scala del valore aggiunto e fare la differenza sul mercato.


Paolo Ruggeri



download slidesDownload delle slides
Condividi:
<< | < Pagina 46 di 55 > | >>Vai a pagina: 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33-34-35-36-37-38-39-40-41-42-43-44-45-46-47-48-49-50-51-52-53-54-55

ARTICOLI